.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 76 ospiti collegati
.: Discussione: Lettera al Sig. Pellizzoni. A proposito del Parco delle Cave

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Alessandro Ferrari

:Info Messaggio:
Punteggio: 19
Num.Votanti: 4
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Alessandro Ferrari il 5 Set 2007 - 13:21
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Egregio Stefano Peverelli,
le confesso che prima di scrivere quanto segue ho dovuto aspettare qualche giorno. Il sentimento di sconcerto che mi ha trasmesso la sua lettera mi impediva di formulare frasi pacate che riuscissero a comunicare il mio pensiero. La mia vita di cittadino ma anche di professionista è molto legata alla realtà del Parco delle Cave di Milano e quindi non intendo nascondere o stemperare la componente emotiva della mia risposta.
Le polemiche sul rinnovo della convenzione tra Comune di Milano e l'Associazione Italia Nostra Onlus non sono una novità: come lei saprà la precedente e prima convenzione scadde nel dicembre 2005. Da cittadino mi potrei semmai chiedere come sia possibile che un parco urbano ad alta frequentazione come è diventato il Parco delle Cave anche grazie la presenza dell'Associazione, si sia potuto mantenere così in ordine, pulito e sicuro senza un gestore! La risposta che mi potrei dare da frequentatore del parco è che, nonostante la situazione di incertezza e provvisorietà, l’Associazione ha deciso di continuare la gestione in attesa di una soluzione definitiva scelta dall'Amministrazione.
 
Per quanto riguarda lo stato di "quasi totale abbandono" da Lei denunciato e dimostrato dalla presenza "delle essenze spontanee (rovi, erbe infestanti , ricacci di robinia e quant'altro)", ritengo di osservare che non stiamo parlando di una immensa aiuola fiorita di 120 ettari ma di un parco urbano a forte valenza naturalistica; ciò nonostante, le posso garantire che nessuno, né tra i progettisti né tra i gestori, si sia mai riferito al modello dei parchi naturali canadesi o a quello delle oasi naturali!
Ho ben chiaro nella mente il ricordo di quando iniziarono i lavori di realizzazione dell'area Cava Cabassi (2001): alcuni cittadini manifestarono il dissenso per la rimozione della vegetazione spontanea resasi necessaria per bonificare l'area; vedendo poi uscire dal cantiere i camion carichi di rifiuti abusivamente discaricati nel suolo, si ricredettero.
 
Non posso ritenermi d'accordo con lei neanche per quanto riguarda le sue considerazioni sulla sicurezza in particolare dei bacini idrici. A prescindere dell’elencazione di ciò che è stato fatto negli ultimi anni proprio per migliorare la sicurezza, non riesco razionalmente ad immaginare un parco cosparso di parapetti di protezione e di cartelli di segnalazione lungo i canali, le chiuse, i laghi di cava , i bacini naturali e i dislivelli del terreno. Probabilmente, prima dovremmo intenderci sul concetto di "sicurezza dello spazio pubblico".
Solo due esempi: non mi risulta che Venezia sia una città interdetta al pubblico, o che la pista ciclabile, realizzata da Parco Agricolo Sud sull'alzaia del naviglio e che unisce Milano al Ticino, abbia parapetti continui e cartelli con la scritta "attenzione canale"!
Qui mi fermo.
Per ogni rigo della sua lettera vorrei scrivere considerazioni, allegare fotografie di questo parco e di altri parchi italiani ed esteri ma ho il timore di ricadere anch'io nell'errore delle prese di posizione sempre e comunque sterili se fine a se stesse.
 
Le immagini positive che ho e che voglio mantenere del Parco delle Cave sono moltissime: da quella dell'inaugurazione del 2 giugno 2002, azzardata alla fine dei primi lavori di realizzazione condotti da questa gestione, con la folla incredula ed euforica che non osava calpestare la prima erba seminata che a stento raggiungeva i cinque centimetri di altezza, a quella di sabato scorso quando le mie nipoti giocavano scalze sui tappeti erbosi intorno alla Cava Cabassi (un lusso che non so in quante altre aree pubbliche ci si possa permettere) e poi sono andate a raccogliere le more nei famigerati rovi dell'area naturalistica.
 
Mi perdoni la franchezza ma l'unica "assenza di rispetto" che io trovo in questa situazione è quello che lei ha dimostrato nei confronti del lavoro tenace e coscienzioso di altre persone!
Alcune sue affermazioni sono ingrate ed offensive nei riguardi di tutti coloro che hanno investito le loro energie e risorse in questa realtà (e quindi non solo del direttore del parco ma anche dei dipendenti, dei collaboratori, dei cittadini attori di questa iniziativa o semplicemente contribuenti) e che - onore al merito - da una trentina d'anni ricevono anche apprezzamenti da persone, istituzioni e enti cittadini, nazionali e internazionali per il loro lavoro e per i risultati raggiunti.
 
Se il suo sconcerto è causato dallo stato del parco, il mio è causato da vedere autorevoli "membri esperti" o comuni cittadini che invece di dare il loro contributo, magari anche formulando osservazioni e critiche costruttive, sembrano cadere nella trappola di certi giochi di quartiere e vedono situazioni di "degrado" e "totale abbandono" solo quando stimolati da finalità che, sinceramente, non riesco neanche ad immaginare.
 
Alessandro Ferrari
In risposta al messaggio di Stefano Peverelli inserito il 29 Ago 2007 - 14:04
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]