.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 149 ospiti collegati
.: Discussione: Blitz della GDF alla Clinica Santa Rita

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 3 Dic 2008 - 13:33
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Dal Corriere on-line:
La «clinica degli orrori» travolta dallo scandalo degli interventi inutili
Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
Santa Rita, processo iniziato
Imputati undici medici e dirigenti. Presente solo l'aiuto di Brega Massone.
Parti civili 45 ex pazienti su 83 . Rinvio al 13 gennaio

MILANO - Con la presenza di una trentina di pazienti in aula, si è aperto il processo a 11 medici della Santa Rita, la ribattezzata «clinica degli orrori», accusati di lesioni volontarie gravissime e truffa alla Regione, nell'ambito dell'indagine che ha portato, l'estate scorsa, a numerosi arresti <http://www.corriere.it/cronache/08_giugno_09/arresti_medici_milano_ebc4ff96-35ef-11dd-9226-00144f02aabc.shtml>. Hanno chiesto di costituirsi parte civile 45 di quelli che, secondo l'accusa sono gli 83 danneggiati dagli interventi chirurgici nella struttura sanitaria milanese. In 5 casi saranno gli eredi a portare avanti la causa, perchè i parenti nel frattempo sono deceduti. Degli 83 pazienti originari circa la metà non ha formalizzato la richiesta di danni poichè non avrebbe la disponibilità economico-finanziaria necessaria per affrontare un processo che si annuncia lungo e complicato. Hanno chiesto di costituirsi parte civile anche Asl, Regione Lombardia, Ordine dei medici, Medicina Democratica, Tribunale dei diritti del malato, Confconsumatori.

Secondo la Procura, molti ricoverati nella clinica sarebbero stati sottoposti a interventi chirurgici inutili dal punto di vista scientifico-sanitario, dannosi per la salute ma utili a gonfiare il valore dei rimborsi dalla Regione. Unico imputato presente Fabio Presicci, ancora detenuto dal giorno dell'arresto nel giugno scorso. Non c'è quello che è considerato il principale imputato, Pierpaolo Brega Massone, ex primario di chirurgia toracica. «Non è venuto per evitare un'inutile esposizione mediatica - spiega il difensore Massimo Pellicciotta - gliel'ho consigliato io»; «Purtroppo il processo lo hanno già fatto sui media - affermano Daniela Mazzocchi e Michele Ragonese legali di Presicci - sono state elevate imputazioni di lesioni volontarie gravissime senza effettuare visite sui pazienti».

Accolta invece la richiesta della citazione della casa di cura come responsabile civile. Il tribunale ha infatti depositato il decreto di citazione del responsabile civile della clinica di via Jommelli, ma ha escluso come era stato richiesto, sempre come responsabile civile, il socio unico della clinica, cioè Francesco Paolo Pipitone anche lui finito sotto processo ma che ha patteggiato la pena a quattro anni e quattro mesi poco tempo fa.
L'udienza è stata aggiornata al prossimo 13 gennaio quando verranno affrontate tutte le questioni preliminari. Inoltre c'è la possibilità di rinnovare la richiesta di patteggiamento, richiesta che è già stata preannunciata in aula dalle difese dei due ex direttori sanitari, Maurizio Sanpietro e Gianluca Merlano. Sempre entro il 13 gennaio potranno chiedere di costituirsi parte civile altre persone o altre associazioni. Il tribunale ha inoltre fissato il calendario fino a giugno con udienze più o meno tutti i martedì. Per gennaio oltre al 13 è stato fissato dibattimento anche per il 29.
02 dicembre 2008
In risposta al messaggio di Antonella Fachin inserito il 18 Nov 2008 - 14:47
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]