.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 128 ospiti collegati
.: Discussione: Blitz della GDF alla Clinica Santa Rita

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 18 Giu 2008 - 11:41
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Da ViviMilano - caso del giorno
http://www.corriere.it/vivimilano/caso_del_giorno/articoli/2008/06_Giugno/18/caso.shtml

Il caso del giorno

Santa Rita: malati o carne da cannone?

Rispettiamo la solidarietà dei concittadini al dottor Brega Massone, ma quel che abbiamo letto ci dà un senso di nausea


Caro Schiavi, leggo che al paese di residenza del medico indiziato molti lo difendono asserendo che ha salvato qualche loro caro. Mi ricorda il governatore Fazio e la solidarietà dei paesani che dicevano che andava a Messa, leggeva le letture, cordiale con tutti, un buon padre di famiglia... Ora tutto sparito: non esiste più, la gente tira di lungo davanti alla sua casa.

Roberto Severa

Caro Schiavi, lo scandalo della clinica Santa Rita mette sotto accusa la classe medica: per i tanti che lavorano con entusiasmo e passione, c'è sempre qualcuno che si piega agli interessi economici lasciando da parte ogni deontologia. In questo caso, non c'è sistema che tenga.


Matteo Covini


Rispettiamo la solidarietà dei concittadini al dottor Brega Massone, meno male che qualcuno ne dice anche bene. Ma quel che abbiamo letto in questi giorni continua a darci un senso di nausea: quei malati di cui il chirurgo parla nelle intercettazioni telefoniche non sembrano più uomini, ci ricordano la carne da cannone. Se i magistrati dimostreranno che alle parole corrispondevano davvero quei fatti criminosi, il medico, oltre che alla giustizia, dovrà rispondere alla sua coscienza. L'accostamento con l'ex governatore della Banca d'Italia, che ha fatto un uso disinvolto dell'etica, è moralmente condivisibile ma non è pertinente: perché il caso della clinica Santa Rita ci porta nel campo squallido della speculazione sulla pelle del malato. Nessuna ragione economica può spingere un medico al disprezzo per una vita: è disumano pensare che si possa lucrare sulla sofferenza. Purtroppo, per qualche meravigliosa clinica della salute, il malato è un cliente che rende. E ci guadagnano tutti.
Scaricare sui medici immorali è facile, quando ci sono le prove: però il sistema che consente il business della salute non è da assolvere. Chi ha fatto di questo sistema un distintivo, perché non si è mai accorto di niente?

Giangiacomo Schiavi
18 giugno 2008

In risposta al messaggio di Alberto Farina inserito il 20 Lug 2007 - 15:08
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]