.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 87 ospiti collegati
.: Discussione: Blitz della GDF alla Clinica Santa Rita

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 12 Mar 2010 - 17:10
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Riguardo al risarcimento, l'avvocato Luca Ponzoni - come riporta il Giorno - in nome dell'ex clinica Santa Rita, oggi Istituto clinico città studi, tiene a precisare che non si tratta di un'ammissione di colpa:

"Questo risarcimento non è inteso come il riconoscimento della responsabilità dei chirurghi come imputati di lesioni dolose, ma l’idea è quella di andare incontro ai pazienti e aprire una stagione nuova”.

... aprire una stagione nuova....
certo! ma non basta cambiare nome e dare 4 soldi ad alcuni pazienti per aprire una stagione nuova!

In primo luogo è necessario sapere che ne è stato della responsabilità amministrativa della società, cioè del modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. lgs. 231/2001, che la società che gestisce la clinica non aveva adottato.
Da notizie riportate sui quotidiani, dopo le dimissioni dell'Amministratore Unico, Dr. Pipitone, il nuovo Consiglio di Amministratore era rimasto in carica per 6 mesi circa e poi tutti i componenti si erano dimessi.... un motivo ci sarà stato!!
E guarda caso, sempre da notizie riportate sui quotidiani, l'amministrazione era tornata a Pipitone!!
Non mi sembra una nuova stagione!

In secondo luogo la Regione deve cambiare il modo di effettuare i controlli sui privati che operano nella sanità (cliniche private e istituti accredidati) affinché siano efficaci, rigorosi e approfonditi: non può controllare SOLO il 4-5% dei rimborsi, perchè vuol dire che il 95-96% dei casi sono fuori controllo!!! Un controllo del genere è superficiale e inutile
E se il controllo è SOLO formale, come quello della Regione Lombardia (il rimborso deve corrispondere alla voce prevista dalla Regione), gli episodi come quelli di Santa Rita (=interventi inutili e/o dannosi), così come i rimborsi per prestazioni inesistenti non potranno MAI EMERGERE!
Infatti il caso Santa Rita non è stato scoperto dalla Regione, ma dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano a seguito delle segnalazioni/esposti di pazienti.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliera di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
Facebook: Antonella Fachin
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 10 Mar 2010 - 22:24
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]