.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 149 ospiti collegati
.: Discussione: CUORE NERO: cultura, socialità e libertà di pensiero!

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Silvio Matrenta

:Info Messaggio:
Punteggio: 10
Num.Votanti: 2
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Silvio Matrenta il 19 Lug 2007 - 15:28
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Gentile signor Lavarini.
L'"Apologia di Fascismo" non è forse un reato riconosciuto dalla Repubblica Italiana?

Le riporto quanto scritto sull'enciclopedia online libera di "Wikipedia":

L'apologia del fascismo è un reato previsto dalla legge 20 giugno 1952, n. 645 (contenente "Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione"), anche detta "leggeScelba", che all'art. 4 sancisce il reato commesso da chiunque "fa propaganda per la costituzione di una associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità" di riorganizzazione del disciolto partito fascista, oppure da chiunque "pubblicamente esalta esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche".

Esporre pubblicamente i simboli del fascismo e che in qualche mondo vi riconducano, non è contravvenere alla suddetta legge?

Vorrei solo avere dei chiarimenti nulla di più.
Cordiali saluti.
In risposta al messaggio di Roberto Jonghi Lavarini inserito il 17 Lug 2007 - 17:37
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]