.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 86 ospiti collegati
.: Discussione: Termovalorizzatore nel Sud Milano? Mai.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Enrico Vigo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Enrico Vigo il 19 Giu 2007 - 12:16
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
Bisogna diffidare di chi presenta certezze ineluttabili con l'ultima generazione di termovalorizzatori a "presunto" basso inquinamento, perchè questo vale se la comparazione viene fatta con i vecchi inceneritori, non nel contesto della rosa delle scelte tecniche alternative possibili. Il "partito dei termovalorizzatori" preferisce che non si sviluppi alcun dibattito serio sulle alternative all'incenerimento, spesso per miopia ed ignoranza, a volte per altre intuibili ragioni. Il costo sociale dei riflessi negativi sulla salute, che ricade inevitabilmene sulla collettività, non viene mai considerato anche se sono i cittadini a pagare con un crescendo di tasse e lutti nel privato (tumori). Il costo dei termovalorizzatori è dimostrato essere superiore a qualsiasi altro metodo alternativo, anche senza il pesante fardello dell'ipoteca sulla salute che ha anch'essa un costo spaventoso per i contribuenti. L'alternativa c'è, è un processo virtuoso che bisogna volere e sostenere, per i nostri figli e per i nostri nipoti, per noi stessi, contro tutta la falsa tecnologia spacciata per progresso che i paesi più civili d'Europa e America stanno abbandonando in fretta. L'obiettivo dei rifiuti zero non solo è possibile, ma è auspicabile che questo percorso lo si imbocchi presto, e che venga stimolata la ricerca nelle nostre Università. Oggi non possiamo più dire che non appiamo come fare, equivarrebbe a mentire. I nostri comuni devono ridurre le spese e dirottare i fondi alle attività di sostegno alle famiglie e ai pensionati indigenti.