.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 66 ospiti collegati

.: Eventi

« Aprile 2021
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Venerdì, 1 Giugno, 2007 - 01:29

attivazione connessione wireless

 
MOZIONE
 
Oggetto: attivazione sul territorio circoscrizionale della proposta, approvata dal Consiglio Comunale tramite l’emendamento alla Relazione previsionale e programmatica di Bilancio 2007/2009, di estensione e implementazione della connessione wi-fi
 
 
Considerato
 
Il testo dell’emendamento, approvato dal Consiglio Comunale, alla Relazione Previsionale e Programmatica di Bilancio 2007/2009 dal consigliere comunale Davide Corritore sulla realizzazione e l’avanzamento dei lavori per un’estensione della rete in diversi spazi, pubblici e privati, della città della connessione “wireless”, senza fili e a banda larga, nella funzione di garantire la diffusione della navigabilità gratuita, come avviene in diverse metropoli mondiali, in primis San Francisco, che sarà a breve la prima metropoli interamente coperta da un ombrello WiFi ad accesso gratuito, con l’intento di annoverare al termine dell’applicazione di questa disposizione un totale di 4 mila luoghi all'aperto, tecnicamente detti “hotspot”.
 
Viste di fatto
 
Esperienze amministrative presenti sul territorio provinciale di Milano, esempio è il Comune di Buccinasco, hanno già avviato questo provvedimento tramite delibera, nell’intenzione di estendere la copertura “wireless” ai diversi quartieri, in massima parte non beneficiati per limiti di vario genere dalla connessione alla rete informatica, e che dalla diffusione del collegamento wi-fi, che permette di ottenere prestazioni di alta qualità, potrebbe giovare un ampio numero di residenti potenziali interessati all’utilizzo di internet.
 
Premesso che
 
la rete wireless aperta consente una fruizione facile e immediata delle risorse di rete offerte, da parte di un gruppo di utenti molto vasto e dinamico, quale potrebbe essere la cittadinanza residente.
 
Visto in diritto
 
il testo dell’emendamento sovrariportato dove viene indicata per la fase di realizzazione e di attivazione di questo progetto sul territorio la delineazione di una mappa di luoghi d'accesso, dove potrebbero venire installate, in strutture di diverso tipo, le antennine atte al collegamento, prospettando anche i criteri per le ripartizioni degli spazi dove dovranno sorgere gli “hotspot”: 700 incroci, 300 scuole e università, 140 centri sportivi, 30 biblioteche, 80 centri anziani, 10 siti di interesse turistico, 50 giardini pubblici e parchi, le fermate di Atm e MM.
 
Premesso che
 
Risulta di interesse collettivo per un accesso gratuito e facilitato dell’utenza, soprattutto giovanile, alla rete informatica, in speciale modo nei luoghi pubblici di studio e nelle zone verdi presenti nel territorio circoscrizionale, nelle scuole e nei centri sportivi, l’attivazione pronta e conseguente della proposta presentata nel testo di emendamento alla Relazione Previsionale di Bilancio
 
Visto in diritto
 
L’articolo 6 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche, il quale dispone che i comuni, attraverso società controllate o collegate possono fornire collegamento in banda larga con tecnologia wi-fi; e che lo stesso codice vieta ai comuni di svolgere direttamente attività di Wireless Internet Service Provider. Inoltre secondo il Decreto 4 ottobre 2005, che nova il decreto 28 maggio 2003, avente come oggetto le "Condizioni per il rilascio delle autorizzazioni generali per la fornitura al pubblico dell'accesso radio LAN alla rete ed ai servizi di telecomunicazioni", è consentita la fornitura di un accesso wi-fi anche nelle aree pubbliche non geograficamente limitate.
 
PQM
 
Si chiede
 
  • Alla Direzione di Settore Nuove Tecnologie e all’assessorato alle Nuove Tecnologie di provvedere a dare diretta esecuzione consequenziale a tale emendamento, attivando e implementando nuove località dove attivare “hotspot”, ossia centraline da cui poter accedere per la connessione a internet senza fili, tecnicamente detta wi-fi
  • Alla Direzione di Settore Nuove Tecnologie e all’Assessorato alle Nuove Tecnologie di informare il Consiglio di Zona 4 dei criteri che sono intenzionati a perseguire per definire il programma di attuazione di un’estensione della connessione wireless sul territorio zonale
  • Al Consiglio di Zona 4 di provvedere a definire una mappatura utile a individuare luoghi pubblici dove poter attivare antenne per la connessione senza fili, distribuiti in modo equo e omogeneo sul territorio zonale, beneficando maggiormente gli spazi di aggregazione civica, biblioteche, centri di aggregazione multifunzionali e giovanili, centro civico, scuole, istituti di vario ordine e grado, giardini e parchi pubblici, fermate dei mezzi pubblici gestite dall’ATM e dalla MM, incroci e centri sportivi, e garantendo un buon grado di accessibilità al servizio nelle zone periferiche, dove si registra un’elevata presenza di residenti, coinvolgendo nell’elaborazione del monitoraggio la direzione stessa comunale e l’assessorato preposto.
  • Al Consiglio di Zona 4 di attivare questo percorso di monitoraggio delle aree dove attivare antennine di connessione a internet senza fili, wireless, tramite il coinvolgimento massimo dei diretti interessati all’estensione del wi-fi, i residenti della circoscrizione, utenti primari del servizio gratuito, nonché i consigli delle zone limitrofe affinché si possa garantire uno sviluppo omogeneo e più equilibrato dell’accesso alla rete in banda larga, su una fascia di territorio più ampio.
 
 
 
Alessandro Rizzo
Presidente del Gruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano