.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 34 ospiti collegati
.: Discussione: il cemento incombe sul Parco delle Cave

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Massimo De Rigo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Massimo De Rigo il 18 Mar 2008 - 09:04
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Addio all'antico sentiero del Marcionino? 

Un saluto cordiale a tutti gli amici di Petrarca.

Lunedi 17 marzo 2008 hanno messo i cartelli di Legge davanti al nuovo cantiere sorto sull’antico sentiero del ‘Marcionino’ nell’ambito del PII Piano Integrato Marchesi Taggia - Parco delle Cave.
Prevedibilmente, se avverra’ quanto accaduto un anno fa al Bosco del Marcionino - distrutto completamente come si distrugge la spazzatura in due giorni ( http://commons.wikimedia.org/wiki/Parco_delle_Cave ) dobbiamo apprestarci a dare l’ultimo saluto a questo antico percorso presente nelle mappe del catasto Teresiano del 1722.
Un fontanile legato non solo ai ‘delitiosi Passeggi di Petrarca’ ma anche alle miracolose guarigioni di don Giuseppe Gervasini - meglio conosciuto come ‘Pret de Ratana”, guaritore ed erborista della storia milanese tuttora oggetto di devozione popolare. Dal 1924 al 1941 alla cascina Linterno venivano dai paesi vicini e da ogni zona di Milano i disperati, gli sfiduciati dei medici, la gente semplice, tutti erano accolti da don Giuseppe Gervasini, un energico prete dalle maniere poco diplomatiche ma dal cuore d’oro. Sabato 22 novembre 1941 a settantaquattro anni don Gervasini, con il conforto della benedizione del Cardinale Schuster, lascio’ la vita terrena. Ai suoi funerali partecipa una folla enorme. Ricchi, poveri, sono tutti uniti nel cordoglio per la morte del loro benefattore. I fedelissimi aprono una sottoscrizione perché venga sepolto al Cimitero Monumentale di Milano. A loro spese comissionano un monumento funebre in bronzo con un’epigrafe che dice: “Al pio sacerdote don Giuseppe Gervasini che prodigò carità e scienza ai poveri e ai sofferenti. I beneficiari posero.” Inizialmente viene sepolto nel settore B, ma dopo 15 anni, visto il continuo afflusso di fedeli, si decide di trasferirlo in uno spazio più ampio nel settore 20, n° 93, allo stesso posto dove si trova oggi. Anche il monumento è lo stesso, cambia solo l’epigrafe che oggi dice:”Sacerdote don Giuseppe Gervasini 1867 / 1941 la fiumana dei tuoi beneficiari ti ricorda e ti ricorderà sempre.”

Questi i dati nel cartello che chiude il percorso a NORD:

- COMUNE DI MILANO
- OPERE DI URBANIZZAZIONE
- Permesso di costruire Nr…….in data………
- Denuncia Inizio Attivita’ Nr. PG 1147392/2006 in data 11.12.2006
- Progettista: STUDIO LUISA CORTESE - ARCH. CORTESE Via Tiraboschi 8 -MI
- Committente: GARDEN - NUOVI ORIZZONTI - SANTERNO - SAN MARTINO - ACERO SOOC. COOP.
- Coordinatore della Progettazione: STUDIO LUISA CORTESE - ARCH. FRANCO DAL MAS
- Impresa di costruzione SERCASA SpA - Via De Angeli 4 Milano
- Importo lavori……………………….
………………………
- Inizio lavori…………..Fine lavori…………..

Simile il cartello che chiude il percorso a SUD, ad eccezione dell’anno della D.I.A.
- Denuncia Inizio Attivita’ Nr. PG 1147392/2008 in data 11.12.2006

Pur avendo, quindi, un PALESE VIZIO di forma, i lavori sono gia’ partiti…

Restiamo in attesa di risposte istituzionali che, con il consueto stile e rispetto che caratterizza chi detiene oggi la Res Pubblica, avverranno solo a cose fatte.

Massimo de Rigo

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 10 Mar 2008 - 21:44
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]