.: Eventi

« Gennaio 2022
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

.: Categorie

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Donatella Elvira Camatta
Venerdì, 27 Aprile, 2007 - 20:35

Minacce a Emergency che lascia L'Afganistan


COMUNICATO STAMPA   
Ulteriori minacce a Emergency che lascia l'Afganistan

Mercoledì 25 aprile funzionari di polizia afgani si sono presentati all'
ospedale di Emergency a Kabul intimando allo staff internazionale presente (tre
cittadini italiani, un belga e un cittadino elvetico) di «consegnare i
passaporti». La consegna è stata rifiutata.
Abbiamo chiesto e ottenuto la migliore collaborazione da parte dell'
Ambasciatore italiano a Kabul Ettore Sequi e della responsabile della Unità di
Crisi della Farnesina, Elisabetta Belloni.
Il personale di Emergency ha lasciato l'Afganistan sotto la responsabilità
dell'Ambasciata d' Italia, oggi giovedì 26 aprile.

Quest'ultimo grave episodio conferma come il governo afgano abbia perseguito
con ogni mezzo, nell'ultimo mese, l'obiettivo di espellere Emergency dall'
Afganistan: obiettivo ovviamente raggiungibile se i «servizi di sicurezza» di
un governo impiegano le loro forze, anche militarizzate, contro chi pratica la
non violenza.
Il signor Amrullah Saleh, capo dei servizi di sicurezza afgani, ha definito
Emergency una organizzazione «che sostiene i terroristi e addirittura i membri
di Al Queda in Afganistan». Per i poteri del signor Saleh, capo della polizia,
non si tratta di una diffamazione, ma di una minaccia: una chiara istigazione a
rendere la nostra associazione un obiettivo.
La detenzione, illegale e provocatoria dell'amministratore del personale dell'
ospedale di Emergency di Lashkar-gah, il signor Rahmatullah Hanefi, che ha
messo a repentaglio la propria vita per salvare quella di altri esseri umani,
rientra in questo disegno del governo afgano.

Dal 1999 Emergency ha fornito assistenza medica e chirurgica di alto livello e
gratuita a oltre 1.500.000 cittadini afgani nei Centri chirurgici di Anabah,
Kabul e Lashkar-gah e nel Centro di maternità e medicina in Panshir, nelle 25
cliniche e posti di primo soccorso e nelle 6 cliniche nelle prigioni afgane.

Gli interventi di Emergency hanno come unico scopo la risposta ai bisogni
della popolazione, in particolare della popolazione civile, in particolare di
quanti – la quasi totalità – non potrebbero ricevere nessuna assistenza che non
fosse gratuita.
Questo dice, ben al di là del rammarico, la drammaticità della situazione che
si determina con la sospensione dell'attività in Afganistan. L'impossibilità di
permanenza del personale internazionale rende questi ospedali non in grado di
offrire servizi qualitativamente adeguati alle necessità dei pazienti. Non
possiamo assumerci la responsabilità di ingannare feriti e malati con illusioni
che determinerebbero danni.

Tuttavia, vogliamo che tutti i cittadini afgani sappiano che il signor
Amrullah Saleh, che ha diffuso accuse infamanti e terroristiche contro
Emergency e il suo staff, costringendoli a lasciare il paese, e il signor Hamid
Karzai, che ha ispirato e sostenuto la sua azione, saranno le sole persone da
biasimare se molti bambini, madri e uomini afgani soffriranno e addirittura
moriranno a causa della chiusura delle strutture sanitarie di Emergency nel
paese, strutture tanto estremamente necessarie quanto, altrettanto, apprezzate.

Non possiamo tacere la nostra convinzione che il governo italiano abbia
volutamente trascurato i fatti che con ogni evidenza tendevano a questo esito.

La nostra associazione è impegnata a ricercare le condizioni di una ripresa
delle sue attività in Afganistan.

Milano, 27 aprile 2007

Paola Feo
per il gruppo Emergency di Torino
tel. 011.530091 - 3289071915