.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 70 ospiti collegati
.: Discussione: Vie di periferia alberate

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Andrea Giorcelli

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Andrea Giorcelli il 28 Set 2009 - 00:43
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Ha proprio ragione, spesso si scelgono alberi troppo delicati, sulla base di indubbie vistose qualità ornamentali, ma che poi il servizio di manutenzione non è palesemente in grado di curare adeguatamente (come ha notato anche lei, per esempio, non vengono rimossi regolarmente i polloni, succhioni e “getti d’acqua”, talvolta di colore diverso, il cosiddetto “selvatico”, delle piante innestate ad alberello, lasciando che le chiome si deformino e crescano disordinatamente sbilanciandosi e infine deperendo).

Per l’irrigazione sono d’accordo nell’usare il piú possibile la prima falda (so che alcuni pozzi sono stati già predisposti in alcune aree verdi di alcune zone), ma non è un po’ triste pensare che gli alberi debbano sempre essere sostenuti artificialmente con l’acqua altrimenti muoiono? quando fino a pochi anni fa bastava bagnarli nei primi anni dopo l’impianto e poi crescevano e crescono da soli.

I sempreverdi, in particolare le conifere, so che vengono molto limitate nell’utilizzo perché ritenute estranee al paesaggio (a parte il tasso che è tipico della pianura padana ma è velenoso in tutte le sue parti eccetto i frutti).

E non mi piace proprio l’idea di Milano con la flora mediterranea, che rivelerebbe una tendenza all’appiattimento e omogeneizzazione del paesaggio italiano e della biodiversità causata dall’effetto-serra! Non vedo affatto bene gli ulivi, i pini domestici, gli oleandri e le palme a Milano, amo trovare questa vegetazione quando mi reco in Meridione. Ci sono ancora invece alberi vigorosi e piú resistenti alla scarsità d’acqua ma che si inseriscono bene nel contesto cittadino di Milano (come quelli della famiglia delle leguminose, poi i bagolari, i tigli, i platani, gli olmi, i frassini, gli ippocastani ecc., anche se alcuni di questi scontano altri problemi e chiaramente il minimo necessario devono pur essere annaffiati…).



Andrea Giorcelli
Consigliere della zona 7 (capogruppo Verdi)

In risposta al messaggio di Gianfranco Bottarelli inserito il 8 Set 2009 - 12:22
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]