.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 39 ospiti collegati
.: Discussione: PAOLO SARPI: SOLIDARIETA' ALLE FORZE DELL'ORDINE

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Angelo Valdameri

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Angelo Valdameri il 13 Apr 2007 - 08:16
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Eprimo anch'io solidarietà alle forze dell'ordine ma anche alla comunità cinese vittima in questi ultimi tempi di veri e propri soprusi portati avanti dagli stessi che dovrebbero garantire ordine e legalità.Prima però di esprimere giudizi occorre ragionare a bocce ferme e lasciare che la Magistratura faccia il suo corso. Non paragoniamo situazioni diverse come quella dei nomadi con la comunità cinese che a Milano vive e lavora da oltre 40 anni. I giornali oggi sono pieni di foto della manifestazione di ieri e devo dire che non sono proprio edificanti per l'uno e l'altro fronte. Legalità e sicurezza devono essere coniugati con la solidarietà e l'accoglienza. Fornisco alcuni dati della comunità cinese a Milano gentilmente raccolti dall'Osservatorio di Milano. A.valdameri consigliere di Zona 6 Lista Fo
I primi cinesi sono giunti a Milano nel 1920  da  WENZHOU, un tempo centro di pesca, oggi centro commerciale che conta 800.000 abitanti. Wenzhou si colloca nel sud della Cina e dista 500 Km. Da Shangai.
Altri 2000 cinesi sono giunti dalla stessa città negli anni 60 – 80 .
Ma l’ondata maggiore si è avuta con le sanatorie degli anni ’90 in occasione delle quali sono giunti cinesi oltre che da Wenzhou anche dal Nord, in particolare da Pechino e Liaoniang.
Attualmente, degli 14.023 cinesi presenti a Milano L’85%  provengono da Wenzhou e il 15% dal nord della Cina.

Chi sono e cosa fanno
 

La popolazione presente è così suddivisa :
 

16% sono bambini e adolescenti da 1 a 10 anni.
55% lavoratori dipendenti
4% pensionati
15% commercianti
10% artigiani
Il numero dei pensionati è basso perché la maggioranza preferisce tornare al paese d’origine.
Fra le attività commerciali  troviamo ambulanti, negozianti, grossisti  e ristoratori. Questi sono il numero maggiore, 305, con una punta massima toccata nel 2000 prima della Sars con 387 unità.
Registriamo un numero alquanto ridotto di liberi professionisti ( medici, avvocati che non superano le 40 unità), 10 agenzie immobiliari e 8 agenzie di viaggi.
Non esiste, come da noi, la figura della casalinga, in quanto, ogni donna, oltre a sbrigare le faccende domestiche è impegnata in attività lavorative; Nonostante mediamente in ogni famiglia ci sia 1,83% di figli.
Dove abitano:
Gli artigiani e commercianti abitano, prevalentemente nella zona Sempione, mentre, i lavoratori dipendenti sono distribuiti sulla periferia di Milano in particolare a Quarto Oggiaro e alla Bovisa.
Condizione di salute:
 

Le malattie più diffuse, come per i milanesi, sono quelle dell’apparato respiratorio causato dall’inquinamento atmosferico. Inoltre un 13% di cinesi oltre i 50 anni soffre di disturbi cardiaci.
Politica e religione :
Il 92% di cinesi che vivono a Milano, concorda con la politica di  del proprio paese anche se una parte lo fa in chiave critica.
Il 62% si dichiarano atei o agnostici, il 22% aderisce alla religioni Buddista, il 16% a quella cattolica.
Complessivamente, dalle attività artigianali e commerciali praticate i cinesi a Milano ricavano un fatturato pari a circa 40.000.000 di euro.
In risposta al messaggio di Camillo Ferraris inserito il 12 Apr 2007 - 17:34
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]