.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 35 ospiti collegati
.: Discussione: PAOLO SARPI: SOLIDARIETA' ALLE FORZE DELL'ORDINE

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonio Marino

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonio Marino il 12 Apr 2007 - 15:21
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
Esprimo la mia solidarietà alle Forze di Polizia vittime di un agguato criminale per mano di cinesi.

A scatenarlo è stato un controllo che una pattuglia di quattro vigili stava facendo in via Niccolini nei confronti di una donna con un bambino, con l'auto ferma in doppia fila. La donna si è ribellata a quello che ha definito "l'ennesimo sopruso", rifiutandosi quindi di consegnare i documenti d'identità. La polizia locale è stata immediatamente aggredita e i quattro agenti sono stati picchiati selvaggiamente da un gruppo di cinesi subito accorsi alla vista della donna che stava per essere caricata nell'auto della polizia e portata al comando.
In tutta la zona di Paolo Sarpi si sono poi scatenate violenze, con cinesi assiepati sui marciapiedi, cestini divelti, bandiere della Cina sventolate e appese ai cartelli stradali. Ci sono state anche cariche della polizia in via Niccolini dopo che gruppi di cinesi hanno ostacolato il passagggio a due auto della polizia locale. Un'altra vettura è stata ribaltata. Sono sei, secondo quanto riferiscono i medici del 118, gli agenti contusi durante gli scontri avvenuti questa mattina in via Paolo Sarpi a Milano. Quattro di loro sono poliziotti, due sono agenti della Polizia locale. Un vigile ha riportato la frattura di una mano.

Questo è il loro senso di integrazione: conquistare una zona con le buone o con le cattive.

Difficilmente credo che quanto accaduto possa essere "farina del loro sacco". Troppo ben organizzati. C'è una regia. Chi li organizza? E perchè?

Prendiamo atto che Milano fa i conti un'altra comunità straniera ospite che, spalleggiata chissà da chi, decide di porsi al pari dei rom: fuori dalla legalità.

Attenzione, care Concittadine e cari Concittadini. Stiamo diventando ospiti (o forse meglio dire ostaggi) in casa nostra.

Un caro saluto e auguri di pronta guarigione agli agenti feriti.

Antonio Marino