.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 56 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Mercoledì, 4 Aprile, 2007 - 10:37

Musica e accattonaggio contro i giustizieri

MUSICA E ACCATTONAGGIO CONTRO I GIUSTIZIERI
IN CAMICIA VERDE OGGI COME IN CAMICIA NERA IERI

 
A Milano dopo la parata populista della maggioranza, il Sindaco ha deciso di trasferire 400.000 euro dal fondo per le politiche sociali, destinato all’immigrazione.
Dobbiamo prendere atto che per avere un sostegno sociale occorra mendicare un intervento per avere risposte ai propri bisogni e sembra che ci sia un’inquietante connessione tra questi due fattori: ridurre i fondi per le politiche sociali, da una parte, e aumentare quel disagio funzionale a creare uno stato di insicurezza che, spesso, si traduce in emarginazione e in fenomeni di devianza.
Noi che crediamo che se ci fosse maggiore attenzione alle politiche sociali non ci sarebbe bisogno di parlare di sicurezza, come sempre dobbiamo prendere atto che le prime vittime  di questi provvedimenti siano gli immigrati, non considerati cittadini e tra questi soprattutto i rom..
Non a caso, oggi siamo in presenza di un nuovo attacco demagogico e intollerante della Lega, che ha indetto una “passeggiata volontaria” contro la presenza di insediamenti di nomadi nella zona comprendente i quartieri di Rogoredo, Gratosoglio e Chiaravalle.
Siamo di fronte alla bieca e volgare connessione tra criminalità e nomadismo, pericoloso accostamento che mette in discussione la convivenza sociale nella nostra città.
Di fronte a questa situazione l’amministrazione si assuma le proprie responsabilità, ora, non aumentando un clima già presente di paure irrazionali, seminando terrore negli animi dei residenti, individuando all’occorrenza il capro espiatorio più opportuno per distogliere l’attenzione verso le reali cause della sofferenza.
Noi consideriamo grave e insopportabile che chi siede nelle istituzioni che governano questa città possa impunemente proporre atti illegali e veri e pericolosi rigurgiti di un tragico passato, come la “passeggiata” della Lega, quando non erano verdi ma nere le camice di chi andava in giro per il Paese a farsi giustizia da sé.
Per questo, oltre a condividere la condanna già espressa dalle forze politiche e sociali democratiche, facciamo un appello alle autorità che devono far rispettare la legge, mentre per parte nostra proponiamo una diversa passeggiata, pacifica elemosinando qualche moneta per rimpinguare le casse del fondo per le politiche sociali, allietata dalla musica rom, e filmando quello che è il vero atto illegale e pericoloso per la sicurezza di tutti e non solo di quelli, come i rom, che sono considerati gli ultimi della società e perciò i più esposti ai pregiudizi, agli insulti, all’intolleranza e infine alla violenza.
 
Uniti con Dario Fo per Milano, Associazione Naga, Associazione Liberi, Comitato per le libertà e i diritti sociali