.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 96 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Lunedì, 2 Aprile, 2007 - 15:49

Milano wireless: dalla proposta alla realizzazione

Al Presidente del Consiglio di Zona 4
Paolo Zanichelli
Al Consiglio di Zona e alle sue componenti

 
 
 
Interrogazione sull’applicazione e l’attuazione nel territorio circoscrizionale dell’emendamento proposto alla Relazione di Bilancio 2007/2009 in merito alla realizzazione a Milano di una connessione "wireless"
 
 
E’ stato presentato da parte dei Gruppi consiliari de L’Unione a Palazzo Marino un emendamento, su proposta del consigliere Davide Corritore, sulla realizzazione a Milano di una connessione “wireless”, senza fili, a banda larga, volto a garantire la diffusione della navigabilità gratuita, come avviene in diverse metropoli mondiali, in primis San Francisco, e diretta in diversi punti della città, anche pubblici, accessibile da 4 mila luoghi all'aperto. Questo progetto è volto a rendere Milano la città con una maggiore presenza di copertura internet wireless in tutta Italia, offrendo 15 mila punti di accesso totali, cifra più consistente dei 13 mila attuali di Seul, città in cui si attesta fino a oggi la copertura più diffusa sul proprio territorio. Nel testo della delibera, che recepisce l’emendamento proposto, si definisce per la fase di realizzazione e di attivazione di questo progetto sul territorio la definiscine di una mappa di luoghi d'accesso, dove potrebbero venire installate, in strutture di diverso tipo, le antennine atte al collegamento. Si prospettano anche le varie ripartizioni dei luoghi d’accesso, e precisamente: 700 incroci, 300 scuole e università, 140 centri sportivi, 30 biblioteche, 80 centri anziani, 10 siti di interesse turistico, 50 giardini pubblici e parchi, le fermate di Atm e Mm.
Si considera, infine, che la banda ad alta velocità sarebbe garantita dal collegamento con la fibra ottica di Metroweb, ceduta, tramite modalità e procedure contestate per vizi di legittimità e regolarità, alla private equity Sterling Square, e nel cui accordo non si evince la presenza della clausola, considerata come condizione preliminare per la realizzazione del contratto, che garantisca 10 anni di accesso gratuito alla connessione “wi-fi”.
Si chiede al Consiglio di Zona di verificare presso la Direzione di Settore Nuove Tecnologie e presso l’assessorato alle Nuove Tecnologie quali criteri è intenzionata perseguire l’amministrazione nell’individuazione dei luoghi pubblici d’accesso, dove installare le antenne di collegamento wireless, invitando la stessa a provvedere di costituire un percorso che coinvolga i consigli circoscrizionali nella definizione in merito di una mappa utile per il territorio. Si chiede altresì al Consiglio di Zona di verificare presso la stessa Direzione di Settore e l’Assessorato competenti se sussiste e se è ancora vigente la clausola prevista nella fase preliminare all’accordo di cessione di Metroweb di accesso gratuito alla rete nei prossimi 10 anni, considerando lo stesso contratto di cessione non corrispondente alle premesse delineate.
 
 
Alessandro Rizzo
Presidente del Gruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4