.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 59 ospiti collegati
.: Discussione: EXPO-2015, e altre opportunità

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 4 Ott 2007 - 22:01
accedi per inviare commenti

Dal sito Web del Comune di Milano:

Stasera in Consiglio Comunale

Moratti: "Expo eredità per il futuro di Milano"

Il Sindaco ha presentato il progetto della candidatura italiana a ospitare l'Esposizione universale del 2015: "Ora, questo, deve essere un patrimonio condiviso da tutta la città e da tutti i milanesi"

“L’Expo è stato concepito e sarà progettato per essere un’eredità culturale, infrastrutturale, economica ed umana per Milano. Questa manifestazione vuole lasciare un segno profondo alle generazioni future”. Questo uno dei passaggi più significativi dell’intervento del Sindaco di Milano, Letizia Moratti, stasera, in Consiglio Comunale, in occasione della “comunicazione” a maggioranza e opposizione della candidatura della Città a ospitare l’Esposizione Universale.

Nel corso del suo intervento il Sindaco ha sottolineato come la sfida milanese sia un “progetto solido”, sostenuto “da tutte le forze politiche, le forze sociali, i sindacati come le istituzioni locali, dal Governo come da tutte le università”, grazie all’apporto di centinaia di studiosi, ricercatori, personalità scientifiche che da mesi lavorano ai massimi livelli per costruire la sfida di Milano e dell’Italia. Un momento di costruzione che è ora maturo per esser condiviso e fatto proprio da tutta la città e tutti i milanesi. “Ora inizia un percorso di condivisione, perché l’Expo sia un progetto di tutti”, ha sottolineato la Moratti. “Se riusciremo ad ottenere questo risultato - ha aggiunto il  sindaco - daremo un grande valore non solo alla città ma a tutto il Paese. Non è solo il valore delle cifre e dei numeri – ha detto il Sindaco - ma perché avremo dimostrato la capacità di Milano e dell’Italia di ospitare l’Esposizione Universale, come già fu nel 1906 al Parco Sempione, e la nostra capacità di offrire le nostre competenze, la nostra cultura, le nostre conoscenze per condividere  un futuro che sia positivo non solo per noi, ma per tutti i Paesi che ancora stanno affrontando con difficoltà i problemi dell’alimentazione, della sete, delle malattie alimentari e del clima”.

La Moratti ha esposto i punti di forza della candidatura e la filosofia progettuale che vuole fare dell’Expo 2015 un “ponte culturale” puntando alla forza delle idee, della scienza e della tecnologia, tra Nord e Sud del Mondo, tra l’Est e l’Occidente, tra Mediterraneo, Balcani, Africa e Medioriente.

Un segno profondo, quello che lascerà l’Expo 2015 ai milanesi e alla Milano che verrà: il sindaco Moratti ha infatti elencato quelli che saranno i principali benefici culturali, infrastrutturali, economici e umani dell’Expo. La città infatti erediterà la Borsa agroalimentare telematica (BAT), tre nuove linee metropolitane, il potenziamento del trasporto pubblico, un parco di 800 ettari, una città del gusto e della salute nell'area dei  mercati generali.

Tutti gli interventi necessari all'Expo, come ha illustrato la Moratti, saranno improntati alla filosofia del minimo impatto ambientale, grazie alla adesione della Città alla campagna Sustainable Energy Europe Campaing e a un protocollo di intesa tra il Comune e il Ministero dell'Ambiente per l'abbattimento delle emissioni inquinanti "e per rendere il progetto della candidatura di Milano pienamente coerente con le strategie nazionali ed europee in tema di sviluppo sostenibile, efficienza energetica e adattamento ai cambiamenti climatici".

L’evento porterà ricadute economiche stimate in 3,7 miliardi di euro,  70.000 muovi posti di lavoro e attirerà 29 milioni di visitatori mentre il budget previsto per la organizzazione dell’evento ammonta a 4,1 miliardi di euro, di cui 3,2 miliardi saranno necessari per la realizzazione per le infrastrutture.

(4/10/2007)

In risposta al messaggio di Enrico Vigo inserito il 25 Mar 2007 - 19:18
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]