.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 78 ospiti collegati
.: Discussione: Milano esempio di ''Buongoverno''

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Corrado Angione

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Corrado Angione il 23 Maggio 2007 - 12:48
accedi per inviare commenti
Articolato il campo delle nomine negli enti comunali.

All’AMSA è stato designato l'ex assessore all’agricolura (AN) della Giunta Colli

L’ex presidente e amministratore delegato delle Ferrovie, in quota FI e ricordato per la difficile situazione economica lasciata, passa a dirigere l’ATM.

Un noto televenditore va a dirigere la Milanosport.

In quota Lega Nord il presidente della SEA. Il suo è un ritorno, avendo già occupato lo stesso incarico; fu allontanato dal Sindaco Albertini durante la vicenda degli aeroporti in Argentina.

Il Sindaco Moratti, invece, ne ha allontanato il predecessore, con una buonuscita corrispondente allo stipendio che avrebbe preso fino a fine mandato.

Il nuovo presidente della Metropolitana Milanese fa parte anche del Comitato strategico del Sindaco.

Candidato non eletto della Lista Moratti è il presidente di Milano Ristorazione S.p.A., anche questi facente parte del Comitato strategico.

Il nuovo presidente della Sogemi è un ex assessore comunale (AN) della passata legislatura.

Ma sono molti di più i professionisti della politica, presidenti di partito, ex parlamentari, ex consiglieri rimasti a secco alle ultime elezioni e riciclati nel giro di poltrone di una miriade di enti, aziende e società.

Infine, il comitato strategico voluto dal sindaco Moratti è chiamato a riunirsi "almeno 6 volte l’anno", percependo i componenti un gettone di presenza di 2.500,00 € ogni riunione. Tre di loro (don Colmegna, Bruno Ermolli e Sergio Dompè) hanno dichiarato la propria rinuncia al gettone.


Conclusioni.

Quanto raccontato per Milano non risparmia amministrazioni di colore diverso.

I politici dovrebbero fare i politici.

Le competenze per dirigere e gestire il Comune e le aziende sono un’altra cosa.

La separazione fra politica e gestione è uno dei presupposti del principio costituzionale di buona e cottetta amministrazione.

Il suo venir meno è il danno più grave che le si possa fare.


C. Ang.

In risposta al messaggio di Corrado Angione inserito il 21 Maggio 2007 - 17:49
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]