.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 41 ospiti collegati
.: Discussione: Acqua potabile "L'oro di oggi e del domani"

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 29 Mar 2009 - 10:58
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Grazie Germana per il tuo contributo.

Ritengo utile -e in linea con quanto da te segnalato- l'articolo di Vittorio Agnoletto che qui riporto e che stigmatizza, giustamente, il passo indietro dell'Unione Europea che pilatescamente dichiara che l'acqua DOVREBBE (!) ESSERE UN DIRITTO, mentre in precedenza riconosceva senza dubbi e condizioni il fatto che l'ACCESSO ALL'ACQUA E' UN DIRITTO.

Purtroppo troppi interessi economici di pochi contano più dei diritti di tutti gli esseri umani che nudi (senza nulla) nascono e nudi (senza portarsi nulla nell'aldilà) muoiono.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
-----------------------------------------------------

Vittorio Agnoletto - segreteria@vittorioagnoletto.it

ACQUA BENE COMUNE. Il PASSO INDIETRO DELL’EUROPA

Esattamente tre anni fa, il 15 marzo 2006, il Parlamento europeo varava una risoluzione sul quarto
Forum mondiale dell'acqua, che si sarebbe svolto di lì a poco a Città del Messico. L’articolo 1 di
quel testo era il seguente: «(il Parlamento europeo, ndr) dichiara che l'acqua è un bene comune
dell'umanità e come tale l'accesso all'acqua costituisce un diritto fondamentale della persona umana;
chiede che siano esplicati tutti gli sforzi necessari a garantire l'accesso all'acqua alle popolazioni
più povere entro il 2015».

Oggi, in concomitanza con il quinto Forum mondiale dell'acqua, che si svolgerà a Istanbul dal 16 al
22 marzo, il Parlamento europeo ha parzialmente cambiato idea, approvando la seguente risoluzione
sulle risorse idriche: «dichiara che l'acqua è un bene comune dell'umanità e che dovrebbe
costituire un diritto fondamentale e universale; chiede che siano compiuti tutti gli sforzi necessari
per garantire l'accesso all'acqua alla popolazioni più povere entro il 2015; dichiara che l'acqua va
proclamata un bene pubblico e posta sotto controllo pubblico, a prescindere dal fatto che sia gestita,
interamente o parzialmente, dal settore privato; chiede che la presidenza rappresenti l'Unione
europea al forum di Istanbul con un mandato per considerare l'accesso all'acqua potabile un diritto
vitale, fondamentale dell'essere umano, e non solo un bene economico commerciale soggetto unicamente
alle leggi di mercato…».
L’arretramento della posizione dell’aula di Strasburgo è evidente. Insieme a Roberto Musacchio e
a tutto il gruppo GUE – Sinistra unitaria europea abbiamo presentato sedici emendamenti, cercando
di affermare la nostra linea su tutta una serie di principi sacrosanti, quali l'acqua come bene
comune universale, l'accesso garantito a tutti gli esseri umani con politiche conseguenti,
l’inserimento dell’acqua nei capitoli di lotta al cambiamento climatico, il coinvolgimento dell'Onu sui
temi dell'acqua. Ma abbiamo perso sull’emendamento centrale, quello al paragrafo 28 di cui sopra,
per cui chiedevamo sostanzialmente la cancellazione delle parole «non solo» che invece hanno
riaperto all’idea dell’acqua come «bene economico commerciale soggetto alle leggi di mercato».
Inevitabile la scelta di votare no alla risoluzione da parte di tutto il gruppo. Non potevamo far passare
sotto silenzio la tremenda offensiva condotta negli ultimi mesi dalle grandi multinazionali e
lobby di settore. Soprattutto in questi giorni, proprio mentre si svolge il forum di Istanbul, dove sono
sicuro che il movimento internazionale dell’acqua saprà reagire con competenza e risolutezza a
questa brutta pagina di cronaca europea.
Articolo pubblicato su “Lavori in corso”, Numero 142 febbraio 2009, Idee e contributi per l’ALTERNATIVA,
Periodico in rete a cura della
Associazione Culturale Punto Rosso


In risposta al messaggio di Germana Pisa inserito il 28 Mar 2009 - 14:40
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]