.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 43 ospiti collegati
.: Discussione: Acqua potabile "L'oro di oggi e del domani"

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 6 Mar 2009 - 15:08
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Partecipare numerosi alla Tavola rotonda del 12 Marzo alle ore 17 nella Facoltà di Scienze Politiche, via Conservatorio 7


Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
 ----------------------------------------------------
UN CONVEGNO / LEZIONE all'Università
 

Il 12 Marzo alla facoltà di Scienze Politiche dell'Università Statale di Milano il Comitato Italiano per un Contratto Mondiale sull'Acqua, in collaborazione con la Facoltà di Scienze Politiche, l'Ufficio per il Servizio Sociale e per la Vita della Diocesi di Milano, il CAI/Club Alpino Italiano, darà vita alla tavola rotonda:

 Acqua diritto o businnes?
I relatori saranno:
Paolo Rumiz, scrittore, gionalista e viaggiatore.
Fausto De Stefani, scalatore degli 8000 m. viaggiatore dei ghiacci.
Monsignor Carlo Ferrari, Vescovo vicario della Diocesi di Milano.
Oscar del Barba Club Alpino Italiano – presidente di Cipra Italia.
Nando Dalla Chiesa scrittore e sociologo della facoltà di Scienze Politiche.
Marco Vitale editorialista e economista.


Coordina;
Daniele Checchi preside della facoltà di Scienze Politiche
Conclude:
Emilio Molinari Presidente del Comitato Italiano per un Contratto Mondiale sull'acqua.
Sono previste comunicazioni di Massimo Gatti vice presidente di AMIACQUE
e di uno studente della Facoltà
 

 

                                                      --------------------

 

Una importante Iniziativa
Con la quale il Contratto Mondiale dell'Acqua intende: 

-        portare nei luoghi della cultura e della ricerca i grandi temi del nostro tempo e fare dell'Università un luogo aperto ai movimenti e ai cittadini.

Le ragioni di questa iniziativa sta nella gravità di due avvenimenti con i quali si è chiuso il 2008 e che rappresentano due veri passaggio epocali.

La prima:
il 6 di Agosto 2008 il Parlamento Italiano ha votato la legge 133 che all'art. 23 bis, che impone a tutti gli amministratori locali del nostro paese, di privatizzare tutti i servizi pubblici locali: servizi Idrici compresi. Con ciò, tutta l'acqua potabile italiana viene privatizzata.

Quella dei rubinetti sarà consegnata a due multinazionali francesi, Suez Lyonnes des eaux e Veolia, a 4 imprese italiane dominate dalle stesse multinazionali, da banche come Monte dei Paschi di Siena e da alcuni famigerati imprenditori noti alle cronache degli affari e politica come Caltagirone e Pisante. Quella in bottiglia è già delle multinazionali: Nestlè, Coca Cola, Danone.

La seconda:
L'ONU nel 2008, ha rinviato di 3 anni il rapporto sul diritto umano all'acqua, rinunciando ad esercitare il compito che gli è istituzionalmente proprio, di indire e gestire i Forum Mondiali, delegandoli, ancora una volta, alle multinazionali Suez Veolia.

Sempre l'ONU in occasione del World Economic Forum di Davos ha consaegnato al Patto mondiale dell'acqua costituito dalle multinazionali dell'imbottigliamento, dell'alimentazione e dell'energia: Nestlè, Coca Cola, Unilever, General Elettric il compito di tracciare le linee di una politica mondiale dell'acqua.

E' una svolta che dovrebbe preoccuparci tutti, indipendentemente dalle ideologie e dei partiti a cui facciamo riferimento, per questo vi invitiamo a:

partecipare numerosi alla Tavola rotonda del 12 Marzo alle ore 17 nella Facoltà di Scienze Politiche, via Conservatorio 7
                                                        ------------------------

Considerazioni sulla lunga strada del Diritto all'acqua.

La strada del Diritto all'acqua bene comune, ha subito una battuta d'arresto sia sul piano internazionale che nella dimensione nazionale del nostro paese.

Una battuta d'arresto che avviene nel silenzio dei media, nel disinteresse della società civile, con l'appoggio dei due massimi raggruppamenti politici del nostro paese.

Da qui l'esigenza di un nuovo e rinnovato impegno nella battaglia in entrambe le due dimensioni.

L'Università
Noi pensiamo che l'università, sia il luogo della conoscenza per definizione, il luogo dove si forma la cultura del nostro tempo, dove si formano le classi dirigenti di oggi e di domani, sia il luogo su cui concentrare i nostri sforzi, per lavorare assieme al corpo docente e agli studenti, per una nuova cultura dell'acqua che diventi materia di studio.

La conoscenza è un bene comune come l'acqua, è la vita dell'intelletto umano come l'acqua è la vita del corpo. Entrambe non possono essere mercificate messe nelle mani e piegate agli interessi delle grandi multinazionali

L'acqua è vita per tutto ciò che è vivente, è perciò ambiente, ma è anche nuova cultura giuridica, è economia, è agricoltura, lavoro, emigrazione, è esclusione, è guerra e pace, è religione ma sopratutto è diritto.

L'università quindi, ma anche un rapporto con il miglior mondo dell'informazione e della letteratura come Paolo Rumiz, con lo sport della montagna come Fausto de Stefani, il CAI, che vedono e conoscono il degrado dei ghiacciai, con la chiesa che si interroga sulla custodia del creato, sulla vita e la morte come esclusione dalle fonti primarie per la riproduzione umana.

Con gli economisti e i sociologi Marco Vitale e Nando Dalla Chiesa che hanno indagato sul governo dell'acqua sia pubblico che privato e sul rapporto acqua criminalità.

Emilio Molinari
In risposta al messaggio di Antonella Fachin inserito il 16 Feb 2009 - 12:33
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]