.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 141 ospiti collegati
.: Discussione: Piazza Miani, Via Voltri, Via De Nicola ...

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Enrico Vigo

:Info Messaggio:
Punteggio: 3
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Enrico Vigo il 10 Mar 2007 - 11:06
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Sono troppi anni che la zona, che va da Piazza Miani, attraversa via Voltri per arrivare in Via De Nicola, viene lasciata senza alcun intervento, in modo un po' troppo, diciamo pure, "rustico" (30-40 anni?). Recentemente è stata realizzata una rotonda Voltri/De Nicola, ma le grandi aiole di Via Voltri sono prive di alberi, e ne potrebbero ospitare moltissimi dando a tutta la via un colpo d'occhio ed una salubrità ben diversa da oggi. La Via De Nicola ha un verde prospicente la strada che pian piano negli anni si è degradato e consumato, in molti tratti è sparito del tutto, seccato o distrutto. La scuola media De Nicola nell'omonima via ha ampie aiole a prato nel perimetro esterno oltre la cancellata tutt'attorno, ma non c'è traccia neppiure di un albero, e stiamo parlando di una scuola statale frequentata da centinaia di scolari che meriterebbe maggiore rispetto dal Comune di Milano. La Piazza Miani, una piccola zona centrale del quartiere, merita un ripensamento e un restyling dei vialetti in asfalto (?!?), qualche panchina, qualche lampione,  etc., e sopratutto una riqualificazione del verde con una intensificazione dell'impianto arboreo con nuove alberature di pregio (querce, aceri, frassini, platani).  Stiamo parlando di zone di rispetto, vicino all'ospedale San Paolo, non dovrebbe essere difficile migliorare un impianto verde oggi stentato o inesistente, la zona ha bisogno di riprendere un aspetto meno trasandato di quello di oggi, una periferiaccia dimenticata e depressa che fa stringere il cuore ogni volta che la si frequenta (per chi ci vive), mentre chi è di pasaggio non vede l'ora di scappare da una indecente sozzura urbanistica da dimenticare prima possibile...