.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 114 ospiti collegati
.: Discussione: Contro il degrado a Quinto Romano e Figino

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Rosario Pantaleo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Rosario Pantaleo il 5 Mar 2007 - 09:58
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
Sabato 3 marzo si è svolta la preannunciata manifestazione che ha coinvolto i territori di Quinto Romano e Figino per sensibilizzare le istituzioni sul tema della sicurezza in questi quartieri. Sicurezza sempre più messa a rischio dalla presenza di spaccio di droga e di prostituzione con tutti i problemi connessi alla presenza di personaggi "equivoci" che si sono attestati per questo commercio (in particolare nell'area Ongari-Cerutti ed area Vercellese per la droga e Via Silla per la prostituzione). La manifestazione si è svolta in un clima di grande parteciapazione, determinazione e serenità ed ha visto in prima fila l'Associazione Amici contro la droga e l'Associazione Vivere Quinto di Quinto Romano ed il Comitato di quartiere di Figino.
Partiti e forze politiche erano presenti (non tutti in verità) ma senza simboli ed evidenze. Assente, invece, il Presidente del Consiglio di zona (ma non è la prima volta) ed istituzioni comunali (Assessori e/o delagati del Sindaco).
Al sottoscritto, tra l'altro, che ha inviato un esposto al prefetto ed al sindaco ai primi di febraio NON è ancora pervenuto alcun riscontro.
A margine della manifestazione alcuni consiglieri di zona Alleanza Nazionale hanno fatto presente la necessità di rimanere nell'area di via Novara, dove sono coinfluiti i due cortei (Quinto e Figino), occupando la strada in attesa, fantomatica, del Prefetto. Il corteo si è invece (e fortunatamente) sciolto perchè si è ritenuto inopportuno porre in atto un'azione non prevista e, soprattuto, provocatoria e non costruttiva per gli obbiettivi della manifestazione.
Ci auguriamo che dopo questa manifestazione le autorità competenti si attivino per cercare di ovviare alle problematiche che sono state evidenziate. ma alla base di tutto è necessario che sia presa coscienza del fatto che la repressione da parte delle forze dell'ordine è importante ma prima di questo viene una solida attività di prevenzione che sia sociale, educativa ed, in ultino, di natura poliziesco-repressiva.
Rosario Pantaleo
capogruppo Ulivo zona 7