.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 47 ospiti collegati
.: Discussione: Pannelli fotovoltaici nelle scuole milanesi.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Enrico Vigo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Enrico Vigo il 18 Mar 2007 - 08:25
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Egr. Sig. Consigliere Carlino Di Biase,
il suo intervento mi da lo spunto per precisazioni:

1. AEM o ENEL o chi altro, c'entrano poco con le mie
    proposte, sono gestori;

2. la Provincia è già partita col suo progetto fotovoltaico-scuole,
    s'informi;

3. ho sollecitato il Comune ad emulare l'iniziativa della Provincia
    di Milano.

La filosofia che sta dietro alla mia proposta è tutta un'altra cosa rispetto alle sue osservazioni, è il Comune che con il fotovoltaico diverrebe il produttore di energia, una rivoluzione copernicana che Lei non ha neppure percepito.

Prima di dire che altri possano aver atribuito "ruoli erronei" rifletta, non è il mio caso, di solito pondero quel che scrivo, ma forse Lei voleva dire altro e lo si evince tra le righe, pur essendosi male espresso.

Tuttavia, che le Istituzioni debbano anticipare e interpretare i bisogni della società, è una osservazione che mi trova dalla sua parte, ma preciso con un distinguo che il rapporto dialettico Istituzioni-Cittadini è insosituibile in una "Democrazia", il modello "Carlino Di Biase" invece, la "delega assoluta", è irrealistica ed utopica, e aggiungerei da scongiurare, perchè può far più danno che beneficio alla democrazia sostanziale.

Altro punto convergente con la sua critica è che ognuno deve fare il suo mestiere, quindi invoco giustamente anch'io meno mozioni improprie ed inutili che evocano atteggiamenti da "parlamentare", uno (avan)spettacolo goffo ed inutile (e costoso visto il costo del gettone presenza e dell'Istrituzione CDZ), ma anche i Cittadini hanno il diritto/dovere di partecipare alla vita politica della città, anche se non candidati e non eletti a cariche istituzionali.

Mi sorge spontanea infine una domanda, Signor Consigliere, ma Lei intanto che sta facendo in CDZ9 ?

Enrico Vigo
In risposta al messaggio di Carlino Di Biase inserito il 14 Mar 2007 - 14:29
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]