.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 576 ospiti collegati
.: Discussione: Pannelli fotovoltaici nelle scuole milanesi.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Enrico Vigo

:Info Messaggio:
Punteggio: 1
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Enrico Vigo il 4 Mar 2007 - 07:11
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
Pannelli fotovoltaici nelle scuole milanesi.
(un progetto per MILANO EXPO’- 2015)
La cultura dell’energia pulita deve farsi strada nelle scuole milanesi, un settore che va stimolato con idee innovative. La nuova legislazione, appena varata dal Governo, riguardante l’energia fotovoltaica, consente oggi di ristudiare gli investimenti e di ridurne i tempi di ammortamento, e ripensare nel suo complesso una redistribuzione dei comparti energetici, condizionando fortemente la nuova politica energetica. Oggi, infatti, viene data la possibilità di vendere i surplus di energia prodotta, senza le limitazioni che in passato hanno condizionato negativamente lo sviluppo del settore, la cui principale criticità era rappresentata da tempi di ammortamento degli impianti troppo lunghi. Al contrario, mutate le condizioni di contesto, si intravede la possibilità di creare reddito attraverso investimenti mirati, meglio ammortizzabili. Le scuole, in perenne deficit di risorse sarebbero messe in condizione di concorrere alla creazione di risorse in autofinanziamento. Una grossa concentrazione di interventi può sortire inoltre alla realizzazione di economie di scala, condizione favorevole per una riduzione dei costi di impianto, consentendo ampi risparmi a tutto beneficio delle casse pubbliche. Questo è uno degli importanti obiettivi da raggiungere per MILANO EXPO’ 2015, mostrare al mondo i passi avanti concreti della nostra città, per renderla più appetibile e attraente. Inoltre l’energia così prodotta immessa in rete ridurrebbe la dipendenza dal petrolio e dal metano, e loro derivati,  diminuendo il deficit dell’approvvigionamento energetica con l’estero con un grande beneficio per il sistema-Italia e per l’inquinamento nel suo complesso, che verrebbe ridotto in proporzione alla produzione di energia pulita.