.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 76 ospiti collegati
.: Discussione: Un COMPOUND per anziani e studenti

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Enrico Vigo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Enrico Vigo il 11 Feb 2007 - 08:59
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

La Zona 6, nelle aree dove ancora è possibile intraprendere iniziative edilizie (pubbliche) di Sant'Ambrogio-Barona, dove c'è l'Università IULM, ed anche le Università, Statale, Cattolica e Bocconi sono raggiungibili facilmente con i  mezi pubblici, è necessario costruire alloggi (pubblici) da adibire a residenza mista per studenti ed anziani in quota ponderata, dove in affiancamento alle iniziative private è oggi più che mai necessario far sentire la mano pubblica.

Mi riferisco a veri e propri "compound" controllati e ben strutturati con servizi accentrati multifunzione di facile accesso. Vorrei fare questa proposta alla Commissione di Zona 6 competente, affinchè venga individuata l'area  dove realizzare un progetto che stia economicamente in piedi, di adeguata dimensione, a specifica e marcata funzione sociale.

Questo "compound" dovrebbe essere strutturato con ambienti comuni per svago e studio, e una sala medica aperta al quartiere, e metrature commerciali per ospitare "cooperative di consumo" che possano offrire prodotti e servizi a basso costo come ad esempio alimentari, lavanderia, ferramenta, bricolage, giornali, libreria, bar, attività artigiane (idraulico, eletricista etc.), un sito CAF, organizzazioni ONLUS ricreative per bambini etc.

Il tutto deve essere realizzato con un occhio particolare alla qualità delle costruzioni e delle conduzioni (gestione), per non far scadere in un ghetto l'iniziativa. Molteplici i vantaggi: contribuire a ridurre il pendolarismo degli studenti da altre città, creare nuove occasioni abitative a canone sociale di cui si sente il bisogno, creare nuove occasioni di lavoro (occupazione) e servizi, e dare un piccolo contributo al ridimensionamento del forte squilibrio che sta spopolando Milano, a causa dello sregolato crescere della rendita e del potere delle società immobiliari.

Sono disponibile a partecipare ad un gruppo di studio per presentare la proposta in Commissioneal vaglio del CDZ6.