.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 43 ospiti collegati
.: Discussione: Polo Soderini: il vecchio progetto ha un senso?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Angelo Valdameri

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Angelo Valdameri il 26 Feb 2007 - 09:08
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Comitato Vivaio Soderini
c/o US Sportiva Orione - via Strozzi
tel. / fax 02 4230313 - 328 6676526 -  com.salvavivaio@libero.it - http://comitatosalvavivaio.blogspot.com

Il Comitato Vivaio Soderini all’incontro "Una Provincia dalla tua parte"

Il Comitato Vivaio Soderini ha partecipato all'incontro che i gruppi consiliari dell'Unione hanno organizzato con i cittadini nella sala della Provincia in via Corridoni a Milano il 13 febbraio 2007. Lo scopo della serata era quello di una verifica, a metà mandato, delle politiche messe in atto dall'amministrazione Penati.

Nello spazio di tempo riservato ai cittadini, una rappresentante del Comitato ha preso la parola e ha illustrato alla platea, in gran parte costituita da "addetti ai lavori", la vicenda del Polo dell'Innovazione in via Soderini a Milano. Si è trattato di una posizione critica fondata sul serio impatto ambientale che il pesante insediamento (deciso senza alcun coinvolgimento degli abitanti e delle associazioni di zona) potrebbe avere su un'area già densamente urbanizzata, caratterizzata da una vocazione socio-educativo-assistenziale.
Due le domande principali: è questo il "Patto per lo sviluppo sostenibile" propagandato dall'amministrazione?
E ancora: è questo il contenimento dell'urbanizzazione e dell'inquinamento?
Inoltre le poche aperture che il Presidente Penati aveva mostrato, in un precedente incontro, per attenuare l'impatto (spostamento del palazzo della CCIAA e cessione area al Comune, apertura del boschetto, cessione spazi per centri d'aggregazione, apertura al pubblico di alcuni servizi) sono state smentite dai suoi funzionari alla prima riunione del tavolo di lavoro.
La rappresentante del Comitato ha poi concluso l'intervento domandando se la struttura espositivo-congressuale-fieristica ipogea ha ancora un senso alla luce dell'allocazione in altra sede dell'Agenzia nazionale dell'Innovazione.
A questo punto il Presidente Penati è subito intervenuto per "chiudere il confronto su questo tema". Ha contestato l'affermazione che non ci sia stato un confronto con i cittadini e che questo non abbia portato a risultati. Ha detto: "Definitivamente è stato abbandonato il Palazzo dell'Innovazione della Camera di Commercio; " dopo l'incontro del Comitato in Provincia inoltre ci siamo impegnati affinché l'area da cedere alla CCIAA venga messa a disposizione del Comune di Milano per realizzare servizi. E "siamo disponibili a finanziare al 50% la realizzazione della scuola materna in sostituzione di quella oggi sullo spartitraffico. Il Comune però fino a oggi non si è fatto vivo!".
Alle affermazioni del Presidente Penati, nonostante la richiesta da parte del Comitato, non c’è stata possibilità di replica.

Il Comitato prende di nuovo atto delle parole del Presidente, ma a oggi non c'è alcun documento scritto, né dichiarazione da parte della CCIAA, che la stessa abbandoni l’area.
Inoltre sottolinea ancora che i bisogni della zona non si limitano a evitare la costruzione di un palazzo (passo avanti che comunque ritiene importantissimo), ma richiedono di ridurre al massimo l'impatto ambientale e sociale che il complesso, inserendosi violentemente come un corpo estraneo, potrebbe portare all'interno del quartiere, decimando il verde pro-capite e incrementando il traffico veicolare.

Il Comitato ritiene dunque che il dibattito sul tema del Polo dell'Innovazione non si chiuda con il ritiro dall'area della CCIAA, ma che proprio a partire da questo fatto si debba iniziare un confronto costruttivo tra le parti che ascolti le necessità concrete dei cittadini.

Alleghiamo il volantino distribuito dal Comitato in occasione dell'incontro "Una Provincia dalla tua parte" del 13/2/2007.


In risposta al messaggio di Giovanni Tucci inserito il 30 Gen 2007 - 23:29
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]