.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 28 ospiti collegati
.: Discussione: Polo Soderini: il vecchio progetto ha un senso?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Adele Vignola

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Adele Vignola il 30 Gen 2007 - 16:11
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Alcune precisazioni:
1)la Provincia è intervenuta con i suoi massimi dirigenti, così come il Comune è intervenuto ( peraltro solo per una parte dell'incontro ) con il responsabile della Segreteria dell'Assessore Massiroli e la Camera di Commercio non si è neanche degnata di rispondere all'invito inviando un rappresentante che avesse almeno il compito di ascoltare.
2) Così come affermato da Penati, poichè il ricavato della vendita dell'area destinata alla Camera di Commercio era, ed è tuttora, destinato alla realizzazione del Cantiere del nuovo ( ex definizione Polo Soderini ) essendo il terreno di proprietà della Provincia, è chiaro che nel caso di un intervento del Comune, lo stesso avrebbe dovuto corrispondere la stessa cifra. Non si capisce perchè la Provincia dovrebbe fare la benefattrice del Comune solo per consentire che lo stesso faccia gli interventi che gli competono
3) quanto precede non contrasta minimamente con l'affermazione fatta da Penati in occasione dell'incontro del 21 a proposito della possibilità di contribuire, tramite i fondi derivanti dai Fondi Europei, alla costruzione di un asilo nido; è chiaro che ciò può avvenire solo se il Comune acquista l'area e si impegna a costruire quanto richiesto
4) i Comuni della Provincia di Milano sono  189 ( se non sbaglio ); la Provincia intrattiene i rapporti con i Comuni i quali, a loro volta direttamente o indirettamente, con i cittadini che amministrano; non ci trovo nulla di strano mentre è molto strano che in tutta la vicenda il Comune di Milano non apra bocca ( ma di questo nessuno si lamenta )
5) anche nell'ultima riunione è stato più volte ribadito dai rappresentanti della Provincia che c'è la massima disponibilità a verificare quali richieste dei cittadini siano compatibili con le destinazioni dell'intervento
6) alla proposta del Presidente di Zona di spostare sul parco confinante con il Redaelli l'eventuale Palazzo della Camera di Commercio ( proposta veramente originale!) la Provincia ha risposto che quel parco è già oggetto di accordo con il Redaelli per l'uso degli ospiti dell'ospedale e per l'uso da parte dei cittadini
7) l'accordo raggiunto è che ci si trovi come consiglieri di zona e rappresentante del Comitato per predisporre un documento da inviare alla provincia nel quale elencare le necessità della zon; questo incontro avverrà venerdì 2 Febbraio in Consiglio di Zona.
8) è stato confermato che l'intervento di risanamento e di nuova edificazione partirà contemporaneamente

Penso che si possa dire di tutto e di più ma non che la Provincia non si sia spesa in incontri con la zona attraverso i suoi massimi rappresentanti ( quando mai i cittadini vengono ricevuti dal Sindaco a da un qualunque Assessore?) sono altri i soggetti che non parlano e a loro mi piacerebbe fosse rivolta la stessa attenzione

Concludendo, mi auguro che non si voglia perdere l'occasione del tavolo di zona, sarebbe davvero un peccato.
Adele Vignola
In risposta al messaggio di Giovanni Tucci inserito il 30 Gen 2007 - 13:34
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]