.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 91 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Sabato, 13 Gennaio, 2007 - 15:51

ARCIGAY INTERVIENE SUL CASO DEL CONSULENTE

ARCIGAY INTERVIENE SUL CASO DEL CONSULENTE DELLA GIUNTA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

www.arcigaymilano.org

“SIAMO ALLA BARBARIE: AN FA UNA INDECENTE BATTAGLIA POLITICA SULLA PELLE DEI PRIVATI CITTADINI”
Bologna, 16 dicembre 2004

“Siamo alla barbarie: Alleanza Nazionale sta assumendo comportamenti indecenti, indegni di un paese civile”. È questo il commento di Sergio Lo Giudice, presidente nazionale di Arcigay, alla notizia dell’attacco mosso dal consigliere regionale di AN Sergio Dressi nei confronti di un privato cittadino, consulente esterno delle Regione Friuli Venezia Giulia, messo alla gogna sulla stampa regionale a causa di un annuncio pubblicato su Internet, forse per uno scherzo goliardico.

“Alleanza Nazionale - ricorda Lo Giudice - sta manifestando con atti sempre più smodati un atteggiamento omofobo e razzista che ci riporta indietro di decenni. L’ex repubblichino Tremaglia aveva dato dei “culattoni” ai parlamentari Europei, Fischella aveva rincarato la dose licenziando il suo braccio destro per aver partecipato ad una festa pubblica al Gay Village di Roma. Adesso AN tocca il fondo strumentalizzando fatti assolutamente privati di un cittadino senza alcun incarico politico, del tutto privi di alcun disvalore o danno sociale, per pura propaganda politica”.

“Siamo colpiti – aggiunge il presidente nazionale di Arcigay – anche dal comportamento di qualche organo di stampa che, contrariamente alla misura dimostrata in altre occasioni, ha deciso di pubblicare il nome e la foto del ragazzo così vilmente attaccato da Dressi”

Molto dura anche la reazione del responsabile giuridico nazionale di Arcigay, il friulano Alberto Baliello: “Nelle stesse ore in cui il Ministro degli Esteri Gianfranco Fini sostiene gli interessi di Trieste, del Friuli e dell'Italia intera per ospitare l'EXPO nel capoluogo giuliano, in una delicata battaglia dove verrà "soppesata" l'immagine della nostra regione e del nostro paese, un altro esponente di Alleanza Nazionale sferra, proprio nella nostra Regione, un attacco politico indegno della cultura civile di un paese moderno.

Era dai tempi del fascismo che in Italia non si brandiva l'orientamento sessuale di una persona come arma politica. Per di più, fatto che ritengo di una gravità inaudita, si sfrutta la vita priva privata di comune cittadino come terreno di scontro politico, insensibili alle più elementari norme di civiltà politica”.

Ufficio stampa Arcigay Nazionale

---------------------------------------------
Dal comunicato stampa del consigliere comunale di Udine Enrico Pizza (DS e gay dichiarato):

. . . Dressi, che evidentemente dimostra scarsa dimestichezza con le moderne tecnologie, innanzitutto ignora che chiunque ha la possibilità di pubblicare la foto di qualcun altro su internet ma, soprattutto, disprezza il fatto che ogni cittadino ha il diritto di pubblicare un annuncio per cercare un partner, etero o omosessuale che sia. Solo un ex-fascista può usare la sua personale e retrograda visione del mondo per cercare di imporre delle regole morali a un'amministrazione che è, e deve restare, laica.
"Non avrò certo il tempo di andare a navigare nel sito gay per cercare la foto incriminata, tempo che sembra invece aver trovato il consigliere Dressi, ma, in attesa di valutare gli opportuni provvedimenti a suo sostegno - anche giudiziari -, esprimo la mia piena solidarietà al 29enne udinese la cui foto è finita persino su un quotidiano locale (Il Piccolo). Per la serie "sbatti il mostro in prima pagina"!
E' questo lo scopo che voleva raggiungere il consigliere? Violare così apertamente la privacy di una persona, senza minimamente porsi lo scrupolo di creare un danno alla sua immagine, alla sua famiglia, alla sua vita di relazione?
Il coming out (svelamento della propria omosessualità) è un percorso assolutamente personale e nessuno ha il diritto di ingaggiare scontri politici contro la Giunta strumentalizzando i concittadini della nostra regione. Chi usa il proprio ruolo politico per tali scopi manifesta semplicemente la viltà e l'arroganza del potere rivolto contro i più deboli"....