.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 831 ospiti collegati
.: Discussione: Mobilita' e edilizia sostenibili

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Alessandro Rizzo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Alessandro Rizzo il 19 Gen 2007 - 13:04
accedi per inviare commenti
Dario Fo, prima delle elezioni primarie per la candidatura a sindaco del centrosinistra della città, aveva incontrato Ken Livingstone sindaco di Londra. La città ha un avanzamento molto importante nel contesto della mobilità sostenibile tant'è che sono attivi bus ecologici a idrogeno, oppure elettrici, esistono piste ciclabili in una dimensione generale e non a "singhiozzo", esiste una rete di viabilità di carattere preferenziale per il transito dei mezzi pubblici di superficie, esiste una rete metropolitana che copre quasi il 90% dell'intero territorio comunale, immenso, di Londra, esiste un ticket di ingresso alle auto, ma in quanto esistono parcheggi di snodo all'ingresso della città, in quanto esistono navette continue di trasporto degli automobilisti nella città, esistono tariffe agevoli per gli utenti dei servizi pubblici. Ken scende da un autobus con il suo collaboratore: il sindaco non solo promuove una mobilità sostenibile, diciamo non solo la propone e la attua, ma fa di questa scelta politica anche una scelta comportamentale etica e coerente con il proprio programma di vita quotidiana.
E' questo un primo passo, forse oserei dire più di testimonianza, ma di invito a prendere in considerazione l'opportunità e la necessità di una riforma complessiva culturale, prima che reale, di muoversi in città: senza questo cambiamento di mentalità saranno difficili certi provvedimenti che devono certamente imporre vie alternative in merito al traffico e al trasporto. A Milano occorrono fare passi ulteriori e innumerevoli prima di raggiungere i livelli di Londra o delle città degli altri paesi europei, Barcellona, Parigi, Lione, soprattutto quest'ultima. Ma occorre fare questo! Iniziando a innescare a livello amministrativo comportamenti virtuosi. Speriamo che da questo atto di testimonianza ci sia come conseguenza un progetto possibile e strutturale, ben delineato, di piattaforma per un'altra mobilità sostenibile. E' una questione di esigenza di sopravvivenza.
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 12 Gen 2007 - 09:31
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]