.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 41 ospiti collegati
.: Discussione: Lento avvio dell'Amministrazione Comunale, i Consigli di Zona vengono di fatto svuotati e i compiti istituzionali non possono e

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Enrico Vigo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Enrico Vigo il 6 Dic 2006 - 05:45
Discussione precedente · Discussione successiva

Mi pare che sia giunta l'ora di denunciare uno stato di paralisi perdurante oramai da troppo tempo che impedisce il funzionamento della macchina amministrativa in periferia (fondi da gestire zero).

Credo che vada interessata l'Assessora Colli che ne ha competenza e richiamata la Giunta tutta alle sue rsponsabilità di ordine amministrativo, affinchè i CDZ vengano messi subito in condizione di recitare il loro ruolo istituzionale affrettando i necessari aggiustamenti nella macchina comunale, particolarmnte stordita dal vento nuovo tutto all'interno del Centrodestra in Comune, un terremoto di funzionari senza precedenti, che causano lentezze di riavvio dei normali processi amministrativi.

C'è bisogno d'altra evidenza per valutare negativamente l' "era Albertini" alla luce di quello che sta succedendo? Più che le dichiarazioni valgono i fatti, e non siamo in presenza di un cambio di colore politico.

Posso tuttavia capire l'improbo compito del Sindaco Moratti, a cui do credito di moralità, che evidentemente ha trovato un Comune diverso da quello che si potesse comunemente immaginare ascoltando i toni propagandistici del suo predecessore (es. Metrò) alla fine di ben due mandati consecutivi, ma ora bisogna tornare subito con realismo a far funzionare la macchina comunale in periferia, perchè se ne gioverà in primis proprio la Giunta stessa, nel primario interesse della Città di Milano.

Sarei lieto d'essermi sbaglato.
Enrico Vigo