.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 68 ospiti collegati
.: Discussione: Il Comune online non risponde E sulle assunzioni c'è un esposto

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 4 Dic 2007 - 14:03
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da ViviMilano:
http://www.corriere.it/vivimilano/politica/articoli/2007/12_Dicembre/04/moratti_accusa_albertini.shtml

Il sindaco in tv da Ferrara: «Da Celentano critiche sterili»

La Moratti accusa la giunta Albertini

«Ho trovato situazioni non risolte. Era necessario un cambio dei dirigenti». Oggi la relazione in consiglio sugli incarichi d'oro
    

Non entra nel merito dell'inchiesta «per rispetto del lavoro della magistratura». Ma il sindaco Letizia Moratti, intervistata da Giuliano Ferrara a «Otto e mezzo», non si lascia sfuggire l'occasione per sferrare un duro attacco al suo predecessore, Gabriele Albertini. «La riorganizzazione della macchina comunale era necessaria perché fino a quel momento il Comune non aveva dato risposta ai problemi della città». Attacca anche Celentano: «Sono stufa di critiche sterili». E plaude a Berlusconi: «Lo scioglimento della Cdl? Un modo con cui Berlusconi ha rimesso in moto il centrodestra. Darà risultati positivi». Il sindaco non nomina mai Albertini. Ma il bersaglio è chiaro. «Amministrare una città non è facile - ha detto la Moratti - perché ho trovato tanti problemi non risolti, che si trascinavano da tempo. Era necessario, un ricambio ».

La Moratti sfoglia l'eredità passata. «Abbiamo trovato tanti campi nomadi irregolari abbandonati. Stiamo cercando di risolvere il problema con il patto di legalità». E ancora: «Abbiamo trovato altre situazioni non risolte. Ci sono pezzi della città con gravi problemi di degrado e di disagio. Ancora adesso sto faticando per dare delle risposte ai cittadini. Era necessario cambiare». Porta ad esempio anche la relazione dell'internal auditing sul patrimonio immobiliare del Comune: «Hanno scritto che solo ora si colgono i primi risultati positivi della riorganizzazione rispetto alle criticità stratificate nel passato». La Moratti rivendica «con orgoglio la riorganizzazione» e ribadisce «la piena fiducia ai suoi collaboratori», ma non entra nello specifico delle accuse. L'abuso d'ufficio per lei, la truffa e la concussione per gli altri superdirigenti. «Su questi temi è più corretto dare le risposte quando sarò chiamata o andrò dal pm. Non credo che i processi in tv siano corretti. Oltretutto, domani (oggi per chi legge ndr) sarò in Consiglio comunale a riferire».

Ma proprio la decisione di andare prima in tv e solo dopo in aula provoca la reazione del Partito democratico: «Un atto che conferma scarsa correttezza istituzionale - attacca la capogruppo Marilena Adamo - Dobbiamo dare dignità alla capacità d'iniziativa di questa amministrazione: non è solo questione di sprechi, ma di cattivo funzionamento della macchina comunale, di dirigenti in crisi, demotivati, di 5 mila trasferimenti che hanno stravolto l'attività del Comune, del disagio di associazioni che hanno rapporti di lavoro con l'amministrazione. E chiediamo al sindaco come intenda affrontare questi temi, ma anche la delicata questione dei Derivati per la quale sollecitiamo una commissione d'inchiesta ».

A «Otto e mezzo», la Moratti decide di fare i conti non solo con Albertini. Dopo l'ex sindaco è la volta del Molleggiato. Quell'Adriano Celentano, che nella sua ultima trasmissione televisiva ha attaccato la cementificazione di Milano, i grattacieli e il nuovo centro congressi della Bocconi. «Sono un po' stufa di sentir parlare male della mia città. E non ho più voglia di accettare queste critiche sterili». Lascia una piccola porta aperta. «Se Celentano mi manderà un progetto meraviglioso, lo prenderò in considerazione. Per adesso ascolto le sue canzoni».

Maurizio Giannattasio
04 dicembre 2007
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 3 Dic 2007 - 22:53
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]