.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 42 ospiti collegati
.: Discussione: Il Comune online non risponde E sulle assunzioni c'è un esposto

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 3 Dic 2007 - 22:53
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Da ViviMilano:
http://www.corriere.it/vivimilano/politica/articoli/2007/12_Dicembre/03/moratti_consiglio.shtml

Iniziato l'esame di tutta la documentazione sequestrata

Moratti indagata: martedì in Consiglio


Il primo cittadino interverrà in aula all'apertura dei lavori. Rozza (Ulivo): «No a richieste di un passo indietro»

    
MILANO - Il sindaco di Milano Letizia Moratti riferirà martedì al consiglio comunale sull'indagine sugli incarichi in Comune avviata dalla magistratura e nella quale è coinvolta per abuso d'ufficio insieme ad altri dirigenti di Palazzo Marino. Lo ha reso noto il presidente del Consiglio comunale, Manfredi Palmeri al termine della riunione dell'ufficio di presidenza e della conferenza dei capigruppo, confermando così le indiscrezioni che si sono susseguite nei giorni scorsi sulla stampa. «Martedì il sindaco Letizia Moratti - ha dichiarato Palmeri, lunedì - a seguito delle richieste formulate dai consiglieri interverrà in aula all'apertura dei lavori, alle 16».

LE INDAGINI - E' iniziato intanto l'esame di tutta la documentazione cartacea e informatica sequestrata giovedì dalla Guardia di Finanza e dai carabinieri della polizia giudiziaria della Procura negli uffici del Comune di Milano e nelle abitazioni di tre dei cinque indagati nell'inchiesta in cui il procuratore aggiunto Corrado Carnevali e il pm Alfredo Robledo hanno ipotizzato il reato di abuso di ufficio a scopo patrimoniale a carico del sindaco Moratti.

NO AL PASSO INDIETRO - Lunedì in consiglio comunale Carmela Rozza (Ulivo), prendendo le distanze dalla posizione ufficiale presa qualche giorno fa dal suo gruppo, ha affermato: «gli avvisi di garanzia non sono una condanna, quindi non condivido la richiesta del passo indietro dei dirigenti, prima che la magistratura abbia sancito e dimostrato il reato emettendo una sentenza. Il garantismo vale per tutti, sinistra e destra, e quindi anche per Borghini e il sindaco». Il capogruppo dell'Ulivo, Marilena Adamo, aveva invitato i due alti dirigenti indagati per concussione, e tuttora in servizio, a dare cautelarmente le dimissioni.


03 dicembre 2007

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 29 Nov 2007 - 16:28
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]