.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 48 ospiti collegati
.: Discussione: Ticket d'ingresso a Milano, a precise condizioni.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Massimo Todisco

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Massimo Todisco il 4 Gen 2008 - 17:54
accedi per inviare commenti
DA OGGI OGNI VENERDI’ BOLLETTINO DELL’OSSERVATORIO SUI DISAGI CAUSATI DALL’ECOPASS

L’Osservatorio di Milano a partire da questo venerdì  4 Gennaio 2008 pubblica un bollettino settimanale nel quale sono esposti i disagi causati dall’Ecopass e patiti dai cittadini di Milano e provincia che si rivolgono al centralino dell’Osservatorio,  02 57301721.

Inoltre nel bollettino è contenuto un monitoraggio che ha come campione 80 commercianti che hanno aderito al ricorso al TAR promosso dall’Osservatorio e che hanno la loro attività nella zona interessata dall’Ecopass. A questi è stato chiesto se il provvedimento del Sindaco ha inciso sulla loro attività economica.

Per i bar sentiti le perdite economiche hanno oscillato tra il 30-35%,i bar hanno anche accusato difficoltà nell’approvvigionamento di merci e nel reperire artigiani per piccoli lavori di manutenzione.

Leggermente più alta la perdita per i  ristoranti che si aggira intorno al 40%.

Notevoli le perdite per le Autorimesse, prendendo come esempio il parcheggio sotterraneo di Piazzale Diaz i dati sono:

1 /2007  186 vetture,  1/2008  271 vetture, 2/2007 474, 2/2008  227, 3/2007 549,  3/2008  227,  4/2007  518,  4/2008  150.

Come si vede in assenza di Ecopass c’è stato un incremento di auto parcheggiate, la situazione è precipitata con l’Ecopass. Mediamente per i parcheggi della zona chiusa c’è una perdita del 50% circa di clienti con conseguenti perdite anche per i negozianti del centro, essendoci meno persone a fare shopping.

Sono stati monitorati poi negozi di abbigliamento che hanno accusato una perdita del 25%. Saliamo al 30% per i negozi di fotografia e al 40% per i colorifici, dal canto loro le pelletterie perdono oltre il 10%.

La flessione riguarda anche i cinema, tra questi citiamo l’Eliseo che ha venduto nei primi tre giorni del 2007 2344 biglietti contro i 1805 dei primi tre giorni dell’anno appena iniziato.

A questi problemi si aggiungono  quelli legati alle difficoltà avute dai cittadini nonostante il traffico  non sia stato molto intenso. A questo proposito vogliamo ricordare che la mancata segnalazione da parte del Comune del cambiamento del senso di marcia in alcune vie trasformate in sensi unici e non registrate nei navigatori ha fatto incappare molti automobilisti in infrazioni del codice della strada.

Disagi sono stati registrati dagli automobilisti in particolare in due varchi d’ingresso, quello di Corso di Porta Vittoria e quello di Corso di Porta Venezia.

Non parliamo delle difficoltà di ordine burocratiche che riguardano l’accedere ai numeri verdi, al call center ed alle conoscenze delle modalità di pagamento del ticket.

All’Osservatorio si solo rivolti molti lavoratori stranieri che per l’85% hanno un furgone o un auto Euro 0, Euro 1 , Euro 2. Questi per effettuare le loro piccole attività di trasporto o di carattere artigianale si sono visti costretti a pagare questa ingiusta tassa che va a incidere negativamente sui loro già esigui bilanci familiari.
In risposta al messaggio di Alessandro Rizzo inserito il 4 Gen 2008 - 12:45
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]