.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 132 ospiti collegati
.: Discussione: Ticket d'ingresso a Milano, a precise condizioni.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 8 Ott 2007 - 14:22
accedi per inviare commenti
Da Milano 2.0:

Ticket d'ingresso, si scende in piazza: il video della manifestazione di Motocivismo
Pubblicato da Simona Mapelli alle 09:15 in Milano accade (cronaca), Video

Sabato 6 ottobre sono scesi in piazza i centauri milanesi e non, per battersi a favore della circolazione sulle due ruote. Capeggiati dal comitato Motocivismo, l'Associazione Amici Euro Zero e SOS- Traffico Milano, una folta schiera di adepti si è ritrovata in piazza Duca d'Aosta per dire basta alle bugie travestite da ambientalismo.


La "sfilata" è partita sotto il Pirellone e ha girato la città passando per alcuni punti nevralgici del potere: Regione, Provincia, Comune. Per chiedere il riconoscimento delle motociclette come unico mezzo in grado di risolvere il problema della mobilità nell'area urbana e provinciale e per far si che l'attenzione si sposti sui veri responsabili dell'inquinamento: riscaldamenti e mezzi pesanti.
I temi caldi sono stati anche altri, sicurezza in primis. Un problema che sta molto a cuore e di cui si discute spesso in più sedi, un problema dovuto sicuramente alla velocità, ma troppo spesso anche alle cattive condizione della strada, di cui i motoclisti (ma non solo, anche automolisti, chi va in bici e addirittura a piedi) sono solo vittime inconsapevoli. Ma anche più investimenti e interventi mirati alle vere esigenze di chi sulla strada c'è ogni giorno e deve fare i conti con una viabilità al collasso per colpa del trasporto pubblico inadeguato.
Salta all'occhio subito che la direzione che stanno prendendo tutte le soluzioni in materia di ambiente e sicurezza lasciano molti insoddisfatti, soprattutto tra quelli che sono maggiormente interessati dal problema. Allora ci domandiamo perchè mettere d'accordo 3 milioni di persone certo non è un'impresa facile, però andare in contro alla stragrande maggioranza non dovrebbe essere un dovere dell'amminstrazione pubblica?
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 5 Ott 2007 - 20:25
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]