.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 73 ospiti collegati
.: Discussione: Una Delibera Partecipata di Urbanistica Partecipata

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 1 Nov 2006 - 21:00
accedi per inviare commenti

Visti i contenuti, riporto anche qui il messaggio che Angelo Valdameri ha inviato nella discussione "Quali aspettative?" del forum "Linea Diretta con il Consiglio di Zona 6":

 

In risposta alla sua lettera sulla “proposta di delibera sulla partecipazione” redatta a cura del consigliere comunale Montalbetti, le confermo che, per quanto mi risulta, è arrivata a tutti i consiglieri di maggioranza ed opposizione, nonché ai comitati e/o associazioni, anche per e.mail.
Io oltre ad essere consigliere di zona 6 per la Lista Fo, faccio parte della Rete dei Comitati Milanesi come coordinatore del Coordinamento dei Comitati della Barona. Abbiamo redatto, in occasione delle ultime elezioni comunali delle Linee guida che avevano come preliminare l’ascolto e la partecipazione dei cittadini a tutte le fasi progettuali. Quindi non si parlava solo di urbanistica, ma anche di ambiente, cultura, ecc. Siamo quindi intervenuti nel dibattito a seguito della proposta di delibera di Montalbetti, a cui bisogna dare atto di essere stato il primo a sollevare un tema importante quale la partecipazione dal basso. Abbiamo apportato delle modifiche- in blu-ad alcuni punti: modifiche che saranno allo studio di un gruppo di lavoro che stenderà la proposta definitiva da presentare al Consiglio comunale per la delibera. Le riporto i passi più importanti da noi modificati.
Al punto 4:…. Il presente Regolamento si pone l'obiettivo di garantire: ai cittadini,attraverso un'informazione tempestiva e preventiva la massima partecipazione e confronto sulle scelte di sviluppo sostenibile del territorio comunale e conseguente predisposizione di strumenti di pianificazione generale come il Piano di Governo del Territorio e degli strumenti attuativi di settore, nonché delle singole progettazioni di interventi urbanistici,
all’art 2 L'Amministrazione coinvolge nel processo di informazione e di partecipazione tutti i soggetti singoli o associati ( i soggetti singoli o associati sono il singolo cittadino o gruppo di cittadini rappresentativo/i di una istanza motivata) interessati dalle trasformazioni del territorio di cui all'art. 3.
Art.3 Sono sottoposti al processo di partecipazione, secondo le modalità stabilite
dal presente Regolamento:ogni strumento urbanistico e programmatico anche di settore e attuativo, con ricadute sugli interessi anche locali ( zonali ) per la collettività in generale, definiti dalla normativa vigente .
punto 5. Si istituisce una Commissione Consiliare Comunale con il compito di affrontare e dibattere tutte le proposte di opere pubbliche e private destinate ad avere un grande impatto sul territorio prima ancora della loro progettazione sia pure di massima e previa una consultazione, vasta e approfondita, dei settori della cittadinanza che verrebbero interessati dalla futura opera. Questa Commissione comprende i tecnici dell’Amministrazione Centrale, della  Soprintendenza ai Beni Ambientali e Culturali, della Soprintendenza ai Beni Archeologici, degli Ordini Professionali, dei Consigli di Circoscrizione e dei Comitati e Associazioni di riferimento territoriale, tutti con diritto di voto e deve essere operativa presso i Consigli di Zona ai quali viene attribuito il compito di informare la cittadinanza interessata alle proposte di trasformazione urbana a grande impatto sul territorio e di indirne la consultazione attraverso un pubblico dibattito.
A.Valdameri

Angelo Valdameri ha risposto al seguente messaggio:

Gentile signora,

aspettare fiduciosi la Colli?
Il mondo intanto cambia velocemente ed allora bisogna darsi da fare, anche se i "poteri" del consiglio di zona appaiono limitati.
Ad esempio le domando, ma la domanda può essre girata tranquillamente anche al presidente, siete stati coinvolti dal consigliere Montalbetti nella redazione del testo di delibera relativa alla partecipazione dei cittadini alla progettazione urbanistica della Città?
I consigli di zona possono avere un ruolo di cerniera tra l'Amministrazione ed i suoi organi tecnici ed i cittadini, singoli o associati. Grazie a questa delibera questo ruolo potrebbe già essere pienamente esercitato, senza aspettare la Colli, per la ex- area Vivaio Soderini.

Grazie e distinti saluti

Giuseppe De Marte

 

 

 

In risposta al messaggio di Marco Nicola Alessio Pietripaoli inserito il 30 Ott 2006 - 00:35
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]