.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 124 ospiti collegati
.: Discussione: Una Delibera Partecipata di Urbanistica Partecipata

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Carlo Montalbetti

:Info Messaggio:
Punteggio: 12
Num.Votanti: 5
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Carlo Montalbetti il 20 Ott 2006 - 19:50
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
"Stato, regioni, città metropolitane, province e comuni favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà." Così recita il quarto comma dell'art. 118 della Costituzione, e sul suo contenuto credo che ci troviamo tutti d'accordo.
Ma che cosa significa dare concretezza al principio di sussidiarietà?
Sicuramente si tratta di valorizzare quelle risorse e quelle competenze presenti sul territorio per esercitare la cosiddetta sovranità popolare, in base al quale la titolarità dell'azione per il perseguimento dell'interesse generale spetta in primo luogo ai cittadini - e alle loro organizzazioni - nonché alle amministrazioni pubbliche a loro più vicine (come i comuni).
Per questo motivo è più giusto parlare di sussidiarietà "orizzontale", ovvero creare i presupposti per un rapporto funzionale tra istituzioni e cittadini (e naturalmente loro organizzazioni).
Dunque quando i cittadini - anche associati - svolgono funzioni di interesse generale, le istituzioni devono favorire attivamente l'intervenendo dei cittadini stessi.
I cittadini stessi possono quindi dare vita a strutture e servizi sociali per la comunità: l'istituzione (locale) non solo non deve ostacolare queste iniziative, ma le deve favorire, soprattutto evitando i tipici ostacoli burocratici come sovrapposizioni e strutture analoghe.
Iniziative come la nostra, che si sostanziano attraverso veri e propri atti istituzionali, sono così un contributo per riequilibrare il rapporto tra cittadini associati e poteri pubblici, verso un riconoscimento maggiore delle forme autorganizzate dei cittadini e una occasione per favorire il decentramento dei poteri e funzioni da Palazzo Marino ai Consigli di zona.
La proposta di Deliberazione Consiliare per la partecipazione dei cittadini alle scelte di trasformazione urbana è una opportunità per contribuire a governare con i cittadini i conflitti urbani che dall'urbanistica al traffico sono presenti in una grande città come Milano.
 
In allegato la bozza di Delibera che vi chiedo di esaminare/commentare/integrare/migliorare e l'invito al seminario che si terrà per presentarla il 25 ottobre presso la Sala delle Tempere di Palazzo Marino (Piazza Scala 2) dalle 17:30 alle 20:00.

Cons. Carlo Montalbetti
Gruppo Lista Ferrante
Consiglio Comunale Milano

Allegato Descrizione Punteggio
Bozza_Delibera_URBANISTICA_PARTECIPATA.pdf
76.86 KB
La Bozza di Delibera di Urbanistica Partecipata.. 9
Vota l'allegato
Invito_Seminario_su_Delibera.pdf
93.53 KB
L'invito al Seminario di Presentazione della Delibera. 5
Vota l'allegato