.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 81 ospiti collegati
.: Discussione: Tre cantieri-box "lumaca" Zona 6, fermi: perché?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Enrico Vigo

:Info Messaggio:
Punteggio: 10
Num.Votanti: 2
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Enrico Vigo il 27 Ott 2006 - 06:35
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Credo che il Presidente Girtanner si riferisse ai dipendenti comunali che non fanno i controlli previsti dal loro ufficio. 

Visto che l'argomento è pubblico e il Consiglio di Zona ne è informato è proprio necessario il passo formale di avvertire la Commisione?

Credo che la situazione sia sotto gli occhi di tutti e chi può è bene che intervenga proattivamente al di la delle procedure formali suggerite, e questo mi sembra lecito aspettarselo dai Consiglieri di Zona.

Ritornando all'argomento in questione è veramente incredibile,  i tre cantieri sono abbandonati, i lavori terminati per la parte che interessa alle imprese e alle cooperative per vendere i box, tuttavia è palese il vergonoso disinteresse a restituire alla collettività gli spazi in superficie finiti, a compimento degli impegni sottoscritti in sede di richiesta di licenza edilizia. 

Ecco lo scandalo dei box a Milano, si fanno promesse formali mai mantenute e nessuno del Comune di Milano sanziona imprese e cooperative per non aver rispettato i patti sottoscritti con le licenze edilizie.

Da una parte ci sono abusi dall'altra (Autorità Comunale preposta) non sono forse riscontrabili "OMISSIONI DI ATTI DI UFFICIO"?

Bisogna forse rivolgersi più opportunamente alla Procura della Repubblica affinchè indaghi e faccia valere i diritti a termini di legge e far finire sui giornali la questione sollevando il problema scoppiato con le Giunte Albertini ed ora tollerato dalla Giunta Moratti?

I cittadini sono sempre offesi impunemente, nessuno quantifica i danni, nessuno pone sotto sequestro i manufatti per cui non sono state rispettate le licenze edilizie per metterl all'asta e risarcire la collettività dei danni subiti.

Se esiste una "autorità" che si muova per restituire dignità alle licenze edilizie, altrimenti se si dimostra e si ritiene che sono una buffonata inutile tanto vale eliminarle e sancire lo stato di fatto di comportamenti incivili di cui la Zona 6 del Comune di Milano ha ben tre tangibili prove.

Grazie anche all Sig.ra Vignola per l'interessamento e cordiali saluti.
Enrico N. Vigo
In risposta al messaggio di Adele Vignola inserito il 25 Ott 2006 - 21:07
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]