.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 26 ospiti collegati
.: Discussione: UN COMUNE AL SERVIZIO DEI CITTADINI

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 6 Set 2006 - 08:26
Discussione precedente · Discussione successiva
UN COMUNE AL SERVIZIO DEI CITTADINI


Il Comune di Milano si rinnova e si presenta alla città più snello ed efficiente organizzato per rispondere direttamente ai bisogni dei cittadini, senza più frammentazioni di competenze che rallentano i tempi della burocrazia. "Si tratta – ha detto il Sindaco Letizia Moratti – di una visione innovativa che mette al centro i cittadini e i loro bisogni ed è orientata a dare risposte concrete ai problemi quotidiani dei milanesi".

La nuova impostazione dell’organigramma comunale contiene alcune novità tra cui quella di uffici comunali organizzati per "ambiti di bisogno" e non più secondo le ripartizioni amministrative tradizionali.
Nuova anche l’area di pianificazione e controllo che sarà di supporto alle direzioni centrali e dovrà verificare il raggiungimento degli obiettivi. Istituite poi nuove direzioni, come quella che si occuperà di Politiche comunitarie.

Nuova linfa poi per le risorse interne che ha portato l’amministrazione alla promozione di giovani professionalità  che assumono ruoli di maggiore responsabilità.

Tra le novità è significativo l'aumento della presenza femminile e la giovane età media dei dirigenti. "Abbiamo abbassato di dieci anni l’età media dei dirigenti", ha dichiarato il Sindaco Moratti, "Il più anziano ha 66 anni, il più giovane 33; dei 22 direttori centrali, 9 hanno meno di 45 anni".

Il Comune di Milano esce anche dai confini regionali e nazionali e avrà un ufficio a Bruxelles che si occuperà di monitorare l’accesso ai fondi comunitari, mentre quello di Roma si occuperà di mantenere le relazioni con ANCI e Governo.

Di nuova creazione le competenze per aree come la Salute e la Ricerca, che prima non erano previste e per le quali si è reso necessario l’innesto di nuove professionalità provenienti da ambiti diversi, come società pubbliche e private, di produzione e di servizi, enti pubblici, società di consulenza, università.