.: Eventi

« Gennaio 2022
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

.: Categorie

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Donatella Elvira Camatta
Domenica, 23 Luglio, 2006 - 12:35

In trecentosedici per il ritiro dall' Afghanistan


Con l'adesione dell'Associazione MOndo Senza Guerre, le sottoscrizioni
all'appello da me lanciato il 28 giugno scorso hanno raggiunto quota
TRECENTO. Questo il giorno dopo che alla Camera si è votato a favore del
decreto di rifinanziamento alla missione in AFghanistan.
Noi sosteniamo il gesto del compagno Paolo Cacciari che ha avuto il
coraggio di dimettersi per difendere le proprie idee ed i propri valori,
mentre siamo sconcertati dalla condanna fatta dal compagno Giordano che,
in nome di un 73% che ha votato a favore della mozione nel comitato
politico nazionale, intende far tacere il 27% del partito che non è
d'accordo. E poi andiamo a sostenere gente come il senatore De Gregorio
che vota con la Casa della Libertà, io lo chiamerei il forzitaliota dei
valori!!! C'era un certo signore pelato, di media statura, che spesso
usciva su un balcone famoso e urlava slogan per la guerra e che poi è
finito appeso in Piazzale Loreto, che diceva "NOn c'è peggior nemico
della pace dei malpancisti pacifondai". Bene, le parole di certa parte
della sinistra di oggi mi sembrano tanto quelle di quel signore che si
chiamava Benito Mussolini.
Ovviamente noi non possiamo fermarci al voto di ieri, dobbiamo
continuare la nostra battaglia, anche perché voci interne ai DS dicono
che prima di cinque anni dall'Afghanistan non ce ne andiamo, e questo
per noi non è assolutamente tollerabile, altro che exit strategy!!! Ecco
perché il nostro appello continuerà, sperando che il movimento pacifista
non si divida più fra chi vuole e chi non vuole far cadere il Governo,
non è questo in discussione e non è questo il nostro compito. E' invece
nostro compito sostenere le battaglie per la Pace e la
nonviolenza, affinché nessun essere umano abbia più a soffrire per mano
di un altro essere umano.
Grazie,
Ettore Lomaglio Silvestri
promotore