.: Eventi

« Gennaio 2022
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

.: Categorie

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Donatella Elvira Camatta
Mercoledì, 12 Luglio, 2006 - 17:08

Associazione Docenti precari Milano e Provincia

L’Associazione Docenti Precari Milano e Provincia

Organizza per Giovedì 13 luglio alle ore 10.00

un SIT IN  davanti al

CSA di Milano - Via  Ripamonti  42

PER SOLLECITARE  IL  GOVERNO   A

-     aumentare il numero delle immissioni in ruolo eventualmente
ricorrendo anche a nomine giuridiche al fine di permettere almeno la
copertura dei posti resi vacanti dai pensionamenti 

-     eseguire una corretta revisione degli organici che al momento
risultano  “falsi e fuorvianti”

-     produrre un piano pluriennale di assunzioni che garantisca un
futuro a coloro che prestano servizio da anni nella scuola statale

-     approvare il documento della VII commissione relativo ad una
pronta risoluzione del problema del precariato scolastico

-     non disattendere quanto espressamente dichiarato nel programma
elettorale dell’Unione, pag 234 :” lotta ad ogni forma di precarietà, con
l’immediata copertura di tutti i posti vacanti, immettendo in ruolo
coloro che già lavorano nella scuola”

In campagna elettorale era stata promesso di “INVESTIRE NELLA SCUOLA”
(pag. 227 del Programma dell’Unione) e non è accettabile che, per ora,
l’unica forma di “investimento” sia stata l’approvazione delle 20.000
unità che erano peraltro state previste dal governo precedente.

Il documento della VII commissione permanente della Camera presenta
delle proposte sicuramente condivisibili e di facile attuazione che
comportano investimenti minimi.

Invitiamo, quindi, in particolare il ministro Padoa – Schioppa  a
elaborare un piano economico che non si limiti “ai soliti tagli”  e a
considerare seriamente una soluzione al precariato della scuola  in modo che
ci sia una svolta “vera” affinché le parole spese in campagna
elettorale non restino, come è stato in questi ultimi anni, soltanto parole.

Pag. web: www.adpm.it
e-mail : info@adpm.it