.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 103 ospiti collegati
.: Discussione: Il sindaco Moratti: «Chiedete, risponderò»

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 28 Giu 2006 - 11:03
Discussione precedente · Discussione successiva
da ViviMilano - speciali

http://www.corriere.it/vivimilano/speciali/2006/06_Giugno/27/moratti.shtml

Faccia a faccia stasera in Sala Montanelli

Il sindaco Moratti: «Chiedete, risponderò»

Incontro con i lettori: «Un'occasione per conoscere e ascoltare i concittadini. Parlare e spiegare per me è fondamentale»

Lo aveva già annunciato durante la campagna elettorale: «Non sarò un sindaco blindato in ufficio, perché voglio parlare ai milanesi e rendermi conto di persona, per quanto mi sarà possibile, dei problemi di chi vive ogni giorno la città». Letizia Moratti ha perso l’aria da manager severo e distaccato, ha appeso nell’armadio i tailleur austeri sfoggiati da presidente della Rai e da ministro della Pubblica Istruzione e, eletta sindaco di Milano, è decisa a giocare la carta dell’amore per la città e dell’ascolto dei cittadini. Anche per questo motivo il neo-sindaco di Milano ha accettato di rispondere alle domande dei lettori del «Corriere della Sera», incontrandoli di persona nel corso di un «Faccia a Faccia» organizzato da ViviMilano che si svolgerà questa sera alle 21 in Sala Montanelli: «E’ un’occasione d’oro per incontrare i miei concittadini, ascoltare le loro istanze, le richieste e le aspirazioni», spiega.

Il concetto è lo stesso espresso la scorsa settimana, al momento della presentazione della squadra di giunta che la accompagnerà nel prossimo quinquennio: «Abbiamo cambiato le deleghe degli assessori rispetto al passato perchè puntiamo tutto a soddisfare i bisogni dei cittadini. Ora dobbiamo lavorare per il bene dei milanesi e lo faremo cercando il massimo consenso e collaborazione, anche con l'opposizione». Molto gioco di squadra e molta disponibilità a muoversi di persona, ad andare sul posto a vedere con i suoi occhi: come è successo nel caso dei Navigli. C’era in discussione l’opportunità, o meno, di ripetere anche quest’anno la chiusura alle auto in zona. I commercianti protestavano, i residenti volevano dire la loro. La Moratti si è prima fatta spiegare la situazione dai suoi collaboratori, poi si è presentata sui Navigli, ha incontrato i commercianti e ascoltato chi vive lì, ha ascoltato le loro opinioni e ha chiuso il caso.

Un sindaco fin troppo decisionista? Qualcuno teme che l’efficienza («Un tratto tipico delle donne: noi siamo pragmatiche - ­va ripetendo il sindaco­ e quando ci svegliamo al mattino abbiamo già chiara l’organizzazione della giornata, altrimenti non potremmo sopravvivere ad impegni e responsabilità») possa diventare esclusione di tutto il contorno: degli assessori, ma anche dei partiti e del consiglio comunale. La Moratti rassicura: «Faremo squadra nell’interesse di Milano e dei cittadini». Non solo con l’ascolto, ma anche con la comunicazione: «Raccolgo l’eredità di una giunta che ha molto fatto e fatto bene, ma che non sempre ha comunicato come sarebbe stato necessario le realizzazioni concluse e quante possibilità offre Milano. Noi faremo lo sforzo di parlare, spiegare, tenere rapporti diretti. Tutte le volte che potremo». Si comincia questa sera, in sala Montanelli.

INFORMAZIONI

«Faccia a Faccia» con Letizia Moratti, stasera ore 21. Sala Montanelli, via Solferino 26. Il coupon e le indicazioni per partecipare sono pubblicati sul ViviMilano in edicola oggi
di Elisabetta Soglio