.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 36 ospiti collegati
.: Discussione: Rispetto delle regole = rispetto degli altri

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Angelo Mandelli

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Angelo Mandelli il 10 Maggio 2011 - 17:22
Discussione precedente · Discussione successiva

Sabato mattina stavo camminando in C.so Italia.  La giornata era bella e fresca.  C' era poco traffico e poca gente. La zona era pulita e ordinata (salvo le solite scritte dei soliti centri sociali su una facciata d' epoca).
Mi sono detto che la mia citta' natale poteva essere bella ed  accogliente e piacevole da vivere.  E un posto molto "sociale"  per tutti  anche senza rivendicazioni di "spazi sociali", ma  solo per la possibilita' di percorrere strade e merciapiedi in tranquillita'.
In quel momento mi e' sfrecciato di fianco, sul marciapiede,  un cliclista.   E poi un altro.
Mi sono molto arrabbiato. Ho lanciato qualche  improperio agli ... stron...   e poi  intristito me ne sono tornato  a casa in fretta.  Mattina rovinata.

In effetti quando le regole non vengono rispettate crolla tutto.  Non ci si sente piu' a casa propria,  e si subisce violenza.  Ogni forma di socialita' e di senso di appartenenza svanisce.

Il rispetto delle regole, soprattutto in una citta' , e' fondamentale.  Rispettare le regole e' il primo ed insostituibile modo per rispettare gli altri. 
Violare le regole viceversa e' una rovina, non solo e non tanto per il danno provocato (che potrebbe essere minimo), ma per la violazione del senso comune di appartenenza e di Ethos. Io rispetto le regole e tu no?   Mi sento preso per i fondelli....

Il ciclista che crede di migliorare la citta' e portare avanti una "battaglia di civilta'"  violando le regole e transitando sui marciapiedi,  in realta' e' solo un distruttore di societa' e di etica.

Putroppo oggi c' e' trappa  gente arrogante  e presuntuosa che, ritenendosi portatrice di non si sa bene quale "civilta' superiore" si  arroga il diritto di infrangere le regole , insultando quelli che invece le regole le rispettano acnhe se non gli piacciono,  e che si ritrovano cornuti e bastonati.

Ciclisti "arrabbiati", animalisti fanatici, eco-terroristi,  noglobal,  graffitari....
Oggi c' e' troppa gente che sic rede in diritto di fare quello che vuole in barba alle leggi e alle regole.

Vogliono  passare come paladini di non si sa bene cosa.

Ma che in realta' distruggono la cosa piu' importante.

E  sono solo dei tiranni.