.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 79 ospiti collegati

.: Eventi

« Giugno 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Martedì, 10 Maggio, 2011 - 09:01

Si parla di trasporti notturni: ma è tutta propaganda

Scusate ma risulta un po patetica, quasi ridicola la campagna lanciata dal sindaco uscente, Letizia Brichetto, circa il prolungamento del servizio delle linee ATM di superficie per le ore notturne. Si prevede un potenziamento tale da garantire il passaggio ogni 15 minuti di alcune tratte, addirittura anche le sostitutive delle linee 4 e 5 della metropolitana che ancora devono essere realizzate, al fine di coprire tutto l'arco della giornata, anche nella fascia oraria che va dalle 2 alle 6. Sì risulta alquanto inquietante notare che tale annuncio arrivi alla vigilia delle elezioni amministrative dal sindaco uscente stesso. Sabato al Palasharp in stile propaganda del "buon e magnanimo leader" Letizia Brichetto arriva in bicicletta. Mi verrebbe a dire come mai è riuscita a prendere la bicicletta, dato che avrebbe potuto percorrere il breve tratto esistente tra casa sua e Palazzo Marino per presentarsi più volte in Consiglio Comunale, date le sue ripetute assenze nell'assise. E aggiungo forse si sarebbe accorta di come le sue piste ciclabili che tanto esalta come punto realizzato di programma siano ancora tutte da completare. Basta che percorra il perimetro del Parco di Porta Venezia per capirlo. Ed è poco distante da casa sua. Rimango stupefatto dello spirito populista e propagandista del sindaco uscente dal momento che diverse mozioni dell'opposizione in consiglio comunale avevano nel 2009, con approvazione da parte dell'assemblea, approvato l'estensione di orario del servizio anche nella fascia notturna. Si parlava anche di Bus by night che potessero soprattutto nei fine settimana garantire il trasporto continuativo di ragazze e di ragazzi dai locali più frequentati alle proprie dimore. Forse questo servizio avrebbe prevenuto l'aumento di casi di sinistrosità sulle strade milanesi. Finora cosa ha fatto la Giunta e l'amministrazione comunale per garantire l'aumento dell'estensione temporale del servizio di trasporto pubblico? Decisamente agli atti ci sono due precedenti che vanno in direzione opposta a questo impeto di promozione della mobilità sostenibile nelle ore notturne. Guardo al fatto che al sabato la concessione dell'accesso al servizio di trasporto metropolitano fino all'una di mattina fosse stata eliminata da una disposizione solamente 7 mesi dalla sua istituzione. Mi riferisco, infine, al fatto che il servizio Radiobus notturno che coprisse tutta la città sia ormai totalmente svuotato e eliminato da uno spostamento degli autisti verso altre funzioni e che, infine, tale utile servizio fosse stato sostituito dalla disponibilità di radiobus di quartiere, a parere del sottoscritto fortemente circoscritti e ristretti nella loro fascia di azione rispetto al precedente servizio.
Si parla, infine, di una disposizione, quella di garantire il servizio anche nelle fasce notturne solo per alcune linee di trasporto, che avrà effetti a partire da settembre, come era già previsto dal piano aziendale guidato dal direttore Elio Catania, di cui il maggiore azionista è l'attuale sindaco uscente. Quindi la proposta era già prevista ma la sua azionabilità era fuori tempo massimo per poterla strumentalizzare a fini elettoralistici. Dal 2009, anno in cui il Consiglio ha approvato le mozioni che andavano in tale direzione, a oggi che cosa il Comune di Milano ha garantito se non la soppressione di quel minimo di servizio notturno presente in alcune fasce orarie? Niente di niente oserei dire. Ancora più patetico e paradossale risulta il fatto che il sindaco uscente, e spero non più rientrante, abbia sottolineato come il programma di Pisapia candidato sindaco per il centrosinistra sia la copiatura delle sue proposte: quali proposte potrebbero avere efficacia se, poi, al momento di attuarle tale maggioranza sul viale del tramonto risulta puramente incapace o totalmente insensibile? Forse solo cambiando il vento si riuscirà a rendere tali proposte delle vere realtà di fatto.

Alessandro Rizzo

Candidato Lista Civica Milly Moratti per Pisapia

Consiglio di Zona 4 Milano