.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 224 ospiti collegati
.: Discussione: Parco Sud, una discarica abusiva-miasmi nel parchetto giochi le Terrazze

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 25 Mar 2011 - 11:46
accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

Dall'inizio dell'anno l'Amsa ha raccolto 15 tonnellate di rifiuti ingombranti

Nel parco una montagna di amianto

Via Selvanesco: lungo l'area agricola Sud discariche e spaccio di droga. La rabbia dei residenti



MILANO - La montagna di rifiuti, a mezzogiorno, si anima. Un ragazzo e una bambina rom l'attraversano spingendo un carrello del supermercato. È carico di legna. Han fatto scorta in un capannone abbandonato in mezzo ai prati e ai rifiuti, a cento metri dal campo dove vivono. Un campo di proprietà, come ogni pezzo di terra di questa periferia del Parco Agricolo Sud, che da trent'anni è una sconfinata discarica abusiva: montagne di copertoni, materassi, vetri, rifiuti ospedalieri, fibre di amianto sfilacciate. Rifiuti tossici. Le cronache di via Selvanesco registrano blitz, sgomberi, arresti. In questa terra di nessuno, che però è Parco, si spaccia, si traffica, ci vivono clandestini. Il nucleo ambientale della Polizia locale di recente ha aperto un'inchiesta sul traffico di rifiuti. Da inizio anno, l'Amsa ha già portato via da bordo strada, dove è competenza del pubblico, 15 tonnellate di rifiuti ingombranti. Nel 2009 le tonnellate furono addirittura 136. Mentre il sindaco ha firmato ordinanze che imporrebbero ai privati di fare lo stesso. Ma su queste ordinanze ora rischia di scatenarsi una guerra.

Umberto Sozzi, che ha ereditato dal padre tremila metri di terra, come tanti altri piccoli proprietari è disperato: «La mia proprietà era in affitto ad una ditta che trattava ferro, ben prima che nascesse il Parco Sud. Ho saputo dopo anni che l'autorità giudiziaria l'aveva posto sotto sequestro. E quando me l'hanno riconsegnato, la scorsa estate, ordinandomi di bonificarlo - racconta -, ho chiesto di recintare l'area. Ma il Parco Sud me l'ha impedito. Dicono che sono le regole del parco, che devo piantare una recinzione verde. Ma non capiscono cosa accade qui di notte? Quanto può durare una recinzione di piantine?». E Rossana Ghiringhelli, direttore del settore Parco Agricolo Sud in Provincia, conferma: «Le recinzioni sono vietate nel parco salvo che si tratti di tutelare una abitazione».

Il consigliere comunale del Pd, Aldo Ugliano, denuncia: «Siamo dinanzi ad un disastro ambientale e le istituzioni devono dare una risposta». La grande discarica abusiva è ben visibile anche su Google maps. E il presidente della Provincia, Guido Podestà, venti giorni fa ha preso l'iniziativa di costituire un tavolo, perché le istituzioni che su questo verde hanno competenza e interessi parlino una sola lingua. «In quel tratto di via Selvanesco ci sono due sfasciacarrozze preesistenti la nascita del Parco e otto discariche abusive. Bisogna creare un database per centralizzare le segnalazioni e le denunce - dice Podestà -. Ma anche sfruttare l'opportunità del Pgt per trovare una localizzazione diversa a queste attività». Il Comune risponda.

Paola D'Amico

25 marzo 2011
In risposta al messaggio di Agostino Filoscia inserito il 10 Feb 2011 - 13:13
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]