.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 19 ospiti collegati
.: Discussione: I nuovi bambini italiani : Futuro dell’umanità e dell'EXPO MILANO 2015

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Hector Villanueva

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Hector Villanueva il 18 Nov 2010 - 13:47
Discussione precedente · Discussione successiva

Milano, 5 novembre 2010

"UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI" / “Yo También Tengo Derechos”

Cari partecipanti,

in occasione della Giornata mondiale dei diritti dei bambini proclamata dall’UNICEF, desideriamo segnalarVi l’evento  "UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI" /“Yo También Tengo Derechos", che si terrà il 20 novembre p.v., dalle ore 20:00 alle 22:00, presso il Centro Culturale di Milano (Via Zebedia 2, Milano).

Trattasi di una manifestazione interetnica, che prevede due momenti distinti: uno spazio dedicato ad interventi sul tema da parte di autorevoli operatori del settore, ed un altro che vede direttamente protagonisti i bambini italiani e stranieri. Consapevoli della grande attenzione che rivolge nel Suo operare alla centralità della famiglia e dei figli (futuro dell’umanità).

Auspichiamo che l’iniziativa possa essere di Vs. interesse e di poterVi avere quali graditi ospiti, ringraziandoVi sin d'ora per la cortese attenzione.

Cordiali saluti.
Héctor Villanueva

Presidente CIRCLA
Via Domenico Veneziano, 6 - 20139 Milano – Italia
Cell.: 3383414438www.circla.org

La nuova ottica sull'immigrazione, vede gli immigrati, come: ..."soggetti di cooperazione tra gli obiettivi del Millenium Development Goals", ..."risorse indispensabili per la crescita del PIL nei loro paesi d'origine, .... grazie alle loro rimesse", ..."strumento essenziale per lo sviluppo sociale, culturale ed umano del paese che li ospita".

La strada è quella giusta per sperare in un futuro di convivenza pacifica tra nativi ed immigrati.

Héctor Villanueva