.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 266 ospiti collegati
.: Discussione: Strade strette

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Giovanni Gronda

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Giovanni Gronda il 8 Ott 2010 - 11:04
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

stringere le strade sembra essere l'unico modo, efficace, per ridurre la velocità dei veicoli, specialmente in una città in cui alle auto è concesso di fatto qualunque tipo di violazione del codice della strada. Gli autovelox mobili, unico sistema per far mantenere la velocità dei veicoli nei limiti previsti dalla legge, non li mettono più perchè se no poi i multati non votano più questa amministrazione.

Ricordo che le auto non rispettando i limiti di velocità causano:

 - incidenti (è il mancato rispetto dei limiti la 1A causa di incidenti)

 - rumore (con l'aumento della velocità aumentano tutti i rumori dell'auto: motore, rotolamento pneumatici, attrito aria, urti su tombini, frenate)

 - rimozione della libertà di movimento: nessuno circola in bici lungo stradoni larghi per paura di morire, pur avendone pieno diritto.

 A Milano ci sono strade larghe in cui se vai nei limiti sei un pazzo provocatore visto che tutti circolano, impuniti al 100%, ben oltre i limiti di legge e quelli della decenza umana.

 Sul ponte della ghisolfa il limite di velocità si alza da 50 km/h a 70 km/ eppure cartelli luminosi dicono "RALLENTARE".

 Stringere le strade è l'unico sistema per far andare più piano i veicoli, almeno fino a quando la Polizia Locale verrà ritenuta responsabile dell'illegalità viabilistica, se non per colpe dirette, almeno per manifesta incapacità di controllo del cds.

2 giorni fa il comandante Mastrangelo diceva in una intervista  in tv a Milano2015 che la Polizia cerca di non multare la sosta in doppia fila se è per pochi minuti davanti una farmacia mentre cerca di essere rigorosa se la sosta è per andare al bar (con i risultati che tutti vedono). Mi chiedo a quale simpatica legge faccia riferimento, visto che nel codice della strada non credo ci siano queste distinzioni e, a mio giudizio, dovere della vigilanza è di non tenerne conto.

 

 

In risposta al messaggio di Stefano Negri inserito il 8 Ott 2010 - 10:11
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]