.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 119 ospiti collegati
.: Discussione: Strade strette

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Stefano Negri

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Stefano Negri il 8 Ott 2010 - 10:11
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
Ho notato negli ultimi anni una pratica particolare che viene perseverata nel rifacimento delle carreggiate.
Milano ha tanti difetti ma di sicuro aveva un pregio, la larghezza delle carreggiate stradali.
In passato questa dimensione ha permesso di sopportare la gestione del traffico, il passaggio di ambulanze o mezzi di soccorso e qualche volta anche alla diminuzione del fastidio di chi nell'inosservanza del codice della strada parcheggia in seconda fila.
Con i nuovo rifacimenti e sistemazioni che senso ha stringere le carreggiate stradali o riempirle di cordoli o spartitraffico?
Di recente ho visto lavori assurdi tipo il restringimento incredibile di piazza Carbonari o gli spartitraffico inutili spuntati in mezzo alla carreggiata in Largo Rio de Janerio.
E' naturale che si andra' verso dei seri problemi di circolazione in futuro, è una visione per nulla lungimirante della città.
Se la modifica della carreggiata fosse volta all'inserimento di piste ciclabili potrebbe nascere da una idea propositiva ma l'aggiunta di cemento nella sede stradale volta solo a diminuirne l'utilizzo sarebbe poco utile (come quelle bellissime aiuole di sassi bianchi cementati necessarie solo allo sperpero di territorio).