.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 576 ospiti collegati
.: Discussione: Incontro in Zona 4 sul Piano di Governo del Territorio (PGT)

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 29 Set 2010 - 14:37
Discussione precedente · Discussione successiva
 --------------------------

Adesso tocca a noi: il PGT e la zona 4

Inviato da Mario Sartori il 29-09-2010 alle 15:11

Giovedi 27 settembre, si è svolto presso il circolo Arci Corvetto il terzo incontro dell’iniziativa di Informazione e ascolto sul PGT promossa da Libertà e Giustizia, Legambiente, Arci e Acli e alla  quale ha aderito anche Fondazione RCM.
L’incontro era dedicato in particolare alle ricadute del PGT in zona 4. Erano presenti  una quarantina  di cittadini.
Stefano Pareglio (Libertà e Giustizia) ha coordinato i lavori della serata mentre l’inquadramento del PGT, sia dal punto di vista  generale sia dal punto di vista delle principali ricadute nella zona 4 è stato proposto da  Pietro Cafiero e Paolo Galluzzi del Politecnico di Milano;  La loro presentazione (in formato pdf) è allegata qui.
La presentazione tecnica del PGT nelle sue linee generali e nelle ricadute che interessano la zona 4  si è intrecciata con interventi e domande dal pubblico in un clima di interazione e di dibattito che ha  coinvolto tutti i presenti.
Riportiamo qui alcuni degli spunti emersi dai tecnici e dalla sala relativamente alle aspetti di maggiore criticità che potrebbero avere le maggiori ricadute nella zona:

  • INDETERMINATEZZA DELLE SCELTE DI PIANO. Una notevole preoccupazione sulle possibili trasformazioni della città che potrebbero derivare dal Piano, se non viene migliorato – modificato, deriva innanzitutto dalla indeterminatezza delle funzioni che potrebbero ricadere negli ambiti di trasformazione sia per quanto riguarda la città pubblica – si veda il caso della Cittadella della giustizia dove in realtà è ipotizzata anche una possibile destinazione del tutto diversa (area sportiva), sia per quanto riguarda gli interventi di natura residenziale, commerciale o produttiva. Un caso eclatante è l’area dell’Ortomercato sul cui futuro il Piano non opera alcuna scelta, ma anche la vaghezza delle ipotesi di riuso o trasformazione del tracciato e delle pertinenze  dell’attuale tangenziale Est, quando entrerà in funzione la Tangenziale esterna e della opzione (rimandata alle scelte del Piano Urbano del Traffico) che riguardano l’ipotizzato Tunnel di collegamento tra Area Expo e Linate.

  • DENSIFICAZIONE. Sono state avanzate forti contrarietà e perplessità sull’applicazione dell’obiettivo di densificazione (edifici più alti e compatti per liberare suolo e restituirlo ad un uso pubblico), che ricadrebbe anche nel tessuto urbano consolidato e che, in particolare in zona 4,  amplificherebbe i guasti di interventi con edifici multipiano che già questa zona  ha subito pesantemente in quartieri caratterizzati da un tessuto edilizio ed urbanistico inadatto a subirne l’impatto visuale e funzionale. Collegata a questo aspetto è stata segnalata la criticità di una lettura del tessuto morfologico della città (e della zona 4) basata su categorie (città reticolare, tessuto a cortina, a pianta libera, città-giardino..) e soprattutto su analisi scarsamente comprensibili o insufficientemente motivate con l’effetto di prefigurare discutibili criteri morfologici di inserimento delle nuove costruzioni (esempio: conformità alle altezze degli edifici preesistenti basate sull’edificio più alto della cortina).

  • INDICI VOLUMETRICI: e’ stato sottolineato che  l’indice uniforme di edificabilità presenta in realtà notevolissimi margini di indeterminatezza per effetto della potenziale applicazione di volumetrie perequative, quote di housing sociale, efficienza energetico-ambientale degli edifici, accessibilità sulle direttici del trasporto pubblico, così che non c’è modo di prefigurare in nessuna parte della città (ambiti di trasformazione o tessuto urbano che sia) quale sia il volto urbanistico della città futura né sotto il profilo delle volumetrie e delle morfologie urabistiche-architettoniche, dei nuovi abitanti insediabili, delle permanere o meno delle funzioni attuali, della qualità e della tipologia dei servizi, degli spazi pubblici  e del verde.

  • AREE CRITICHE: E’ stato osservato che la zona 4 presenta numerosi Ambiti  ad “alto rischio urbanistico”  dove, anche per le ragioni già esposte, il Piano potrebbe indurre trasformazioni giudicate negative o rischiose o dove il Piano non prefigura alcuna soluzione alle situazioni di incompatibilità già in atto: L’area Forlanini, il CAAM, L’OrtoMercato.
presentazione 27 settembre.pdf

--------------------------

Nell'ambito di

--------------------------

"PGT: adesso tocca a noi" della sezione "PGT" di www.manifestopermilano.partecipaMi.it

Inviato da Damiano Di Simine l'11-09-2010 alle 20:45

PGT: ADESSO TOCCA A NOI

Dopo il dibattito in Consiglio Comunale, il PGT esce dal Palazzo: tocca infatti alla società milanese fare la propria parte e dire la sua.  Il PGT verrà pubblicato il prossimo 15 settembre e, da quel giorno, e per due mesi, ognuno potrà consultarlo e chiedersi se quel piano contenga la Milano in cui desidera vivere.
Non c'è molto tempo per informarsi e per esprimere le proprie osservazioni, ma vorremmo che questo passaggio di critica e proposta non fosse liquidato in modo sbrigativo. Le nostre associazioni  - ACLI, ARCI, Legambiente e Libertà e Giustizia - si sono assunte l'impegno di avviare e facilitare il confronto e l'approfondimento sul PGT, andando quartiere per quartiere per presentare il PGT e le trasformazioni previste, ascoltando ogni punto di vista, mobilitando le aspettative e i bisogni di chi opera nel territorio e nel tessuto sociale e culturale della città.
Iniziamo questo percorso a partire proprio dal Consiglio Comunale, ascoltando i punti di vista di tutti i protagonisti della discussione svoltasi nelle sedi istituzionali, e continueremo con una serie di appuntamenti, uno per circoscrizione, per spiegare il PGT, accompagnati da esperti e personalità milanesi che si sono rese disponibili a questo confronto.

9 appuntamenti per 9 circoscrizioni
A partire dal 20 settembre, di PGT si parlerà in ogni quartiere di Milano, grazie a serate pubbliche alle quali abbiamo invitato esperti e personalità della cultura che conoscono il quartiere in cui vivo, oltre ai consiglieri comunali e di zona. Questo è il calendario completo degli incontri previsti (sono ancora possibili variazioni sui relatori):
IL CALENDARIO DEGLI INCONTRI  NELLE CIRCOSCRIZIONI:
Zona 2 20/09/2010, CASA DELLA CARITA' via Brambilla, 10
Zona 7 23/09/2010, ARCI OLMI via degli Ulivi, 2
Zona 4 27/09/2010 , ARCI CORVETTO, via dell'Oglio, 21
Zona 6 30/09/2010 ACLI BARONA via Boffalora, 110
Zona 3 04/10/2010 ACLI LAMBRATE via Conte Rosso, 5
Zona 8 08/10/2010 ACLI GALLARATESE via Ugo Betti 62
Zona 5 11/10/2010, ARCI BELLEZZA via Bellezza, 16/A
Zona 9 14/10/2010 LA FONDERIA, via Tahon di Ravel
Zona 1 18/10/2010 presso ARTEMISIA, via C. Simonetta, 16

--------------------------