.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 99 ospiti collegati
.: Discussione: Lettera aperta sull'emergenza abitativa a Milano, i ROM e altro

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Luciana Pellegreffi

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Luciana Pellegreffi il 22 Set 2010 - 11:09
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Ringrazio per gli aggiornamenti.
Purtroppo il tema non è solo le 25 case ai roma= risolviamo l'emergenza.

Il tema è come uscire dall'emergenza per tutti i cittadini di milano che la vivono. non si può continuare ad ignorare le 25.000 famiglie in lista d'attesa e quanto sono costretti all'acquisto con enormi sacrifici perchè non vi sono case con affitti decenti a fronte delle migliaia di appartamenti sfitti in città.

posso solo rilanciare la proposta: 

- Pianificare e realizzare urgentemente costruzioni di case Aler proporzionali alle 25.000 famiglie in attesa di casa popolare alle quali è stato riconosciuto un diritto ma che viene quotidianamente negato dalle istituzioni non costruendo case popolari;
- Si inseriscano nel PGT case popolari a Milano urgentemente; non la truffa dell’hausing sociale;
- Si impongano alte tassazioni ai proprietari di appartamenti lasciati sfitti;
- Si imponga un affitto equo rispetto al reddito sia ad Aler che ai privati,
- Si coinvolgano cittadini, comitati di quartiere, Aler, Prefetto, presidenti di consigli di zona, ecc..  per affrontare  urgentemente il problema del ripristino della legalità nelle periferie;
- Sia pubblicizzato in tale contesto, l’elenco degli spazi liberi requisiti alla mafie, e si determinino con i comitati di quartiere in modo trasparente la loro destinazione, in base alle specifiche necessità locali. Se a fini abitative si parta dalla lista d’attesa di Aler, se a scopi sociali, i cittadini del quartiere decidano. Nel diventare beni comuni dalla comunità vanno gestiti.
 
Com’è che il nuovo palazzo della Regione è stato costruito in pochissimo tempo e con un investimento pari a oltre 4.000 case popolari ? 
Come la regione utilizzerà i notevoli fondi pubblici tanto citati da Formigoni quale risparmio per il mancato pagamento degli affitti di tutte le sedi private della Regione non più utilizzate?
Quante case popolari potranno essere costruite?
 
Se si vuole si può.
Ma chi vuole?

L'assordante silenzio anche di questa amministrazione e opposizione, come in passato è gravissimo.

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 21 Set 2010 - 14:47
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]