.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 80 ospiti collegati
.: FESTIVAL ANDINO “INTI RAYMI”
Segnalato da:
Hector Villanueva - Giovedì, 2 Settembre, 2010 - 13:20
Di cosa si tratta:

FESTIVAL ANDINO “INTI RAYMI”

POLITEATRO DI VIALE LUCANIA N. 20, IL 19 SETTEMBRE 2010 DALLE 16.00 ALLE 19.00

 

AMÉRICA PRECOLOMBINA

América Precolombina
 mappa culturale:
 Aztecas Mayas Incas

FESTIVAL ANDINO

“INTI RAYMI"


Cusco: Entrega de Varas Cusco: Entrega de Varas Cusco: Entrega de Varas Cusco: Entrega de Varas

IL FESTIVAL ANDINO “INTI RAYMI” VUOLE ESSERE UN PUNTO DI RIFERIMENTO DELLA PROMOZIONE DI DANZE, BALLI, FOLKLORE, MUSICA ED ARTE DEI PAESI ANDINI.

                           Dia De la Canción Andina y el Intirraymi



ORGANIZZATO DALL’ASSOCIAZIONE CIRCLA CON ALTRE ASSOCIAZIONI CULTUALI, NASCE CON LO SCOPO DI DIFFONDERE LA CULTURA DEI PAESI DELL’AREA ANDINA E DI CREARE UN PONTE DI SCAMBIO TRA LA COMUNITÀ MIGRANTE SUDAMERICANA PROVENIENTE DA TALI PAESI E GLI ITALIANI CHE L’ACCOLGONO.

IL FESTIVAL ANDINO “INTI RAYMI” VUOLE DARE UNA RISPOSTA POSITIVA ALL’INTEGRAZIONE DEI “NUOVI ITALIANI”.

   

IL FESTIVAL ANDINO “INTI RAYMI” SI TERRÀ AL POLITEATRO DI VIALE LUCANIA N. 20, IL 19 SETTEMBRE 2010 DALLE 14.00 ALLE 19.00.

SI SUSSEGUERANNO SUL PALCO ARTISTI SUDAMERICANI CON PROPOSTE MUSICALI E DANZANTI, CHE VALORIZZERANNO LA RICCHEZZA E VARIETÀ CULTURALE DEI VARI PAESI D’ORIGINE.

QUEST’ANNO IL FESTIVAL ANDINO SI CONCENTRA SUI SEGUENTI PAESI: PERÙ, BOLIVIA, ECUADOR E COLOMBIA.


  incaimpero.gif (300×343)  

 

SARANNO INVITATI A QUESTA INIZIATIVA I CONSOLI LATINOAMERICANI PRESENTI IN LOMBARDIA, COSÌ COME I RAPPRESENTANTI DELLE DIVERSE ASSOZIAZIONI DEGLI IMMIGRATI DELL’AMERICA LATINA E DAL CARIBE CHE OPERANO SUL TERRITORIO.


HèctorDavid Villanueva

CIRCLA - Centro di Integrazione permanente di Rappresentanza della Comunità Latino-americana UE
www.circla.org
Via Domenico Veneziano, 6 - 20139
Milano - Italia
Tel : 0039 338 3414438
e-mail : hectorvillanueva@libero.it



La sfida di oggi è passare da una società multiculturale a una interculturale,dove le identità culturali, etniche, religiose, sociali e sessuali non entrino inconflitto, ma creino la convivialità delle differenze. Solo superando i punti di vistaegocentrici e soggettivi, il pregiudizio e lo stereotipo, può diffondersi una sanaconvivenza umana, basata sull’accoglienza, il rispetto e la condivisione.

HèctorDavid Villanueva


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





Diversità : Dialogo interculturale e interreligioso

© Gamma

La diversità culturale rappresenta una condizione essenziale dell'odierna società umana. La promozione del dialogo interculturale mira a rendere tale diversità una fonte di ricchezza reciproca e a favorire la comprensione, la riconciliazione e la tolleranza. 

La strategia del Consiglio d'Europa in quest'ambito consiste nel porre il dialogo interculturale al centro del mandato generale dell'Organizzazione volto a promuovere i diritti umani, la democrazia e lo stato di diritto rafforzando anche la coesione sociale, la pace e la stabilità. 





"DIALOGO INTERCULTURALE, STRUMENTO DI PACE ED INTEGRAZIONE?"
  


Dove:
POLITEATRO DI VIALE LUCANIA N. 20 Milano (MM 3 CORVETO)
Quando:
Da Domenica 19 Settembre - 15:00 a Domenica 19 Settembre - 17:30
Chi organizza:
CIRCLA UE
Contatti:

HèctorDavid Villanueva

CIRCLA - Centro di Integrazione permanente di Rappresentanza della Comunità Latino-americana UE
www.circla.org
Via Domenico Veneziano, 6 - 20139
Milano - Italia
Tel : 0039 338 3414438
e-mail : hectorvillanueva@libero.it



La sfida di oggi è passare da una società multiculturale a una interculturale,dove le identità culturali, etniche, religiose, sociali e sessuali non entrino inconflitto, ma creino la convivialità delle differenze. Solo superando i punti di vistaegocentrici e soggettivi, il pregiudizio e lo stereotipo, può diffondersi una sanaconvivenza umana, basata sull’accoglienza, il rispetto e la condivisione.

HèctorDavid Villanueva

Sito web:
www.circla.org