.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 53 ospiti collegati
.: Discussione: Porta Vittoria, via alle strisce blu

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Alfredo De Giorgi

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Alfredo De Giorgi il 22 Set 2010 - 17:58
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

I residenti non pagano mai. 

E' stato chiarito già da tempo che il Comune di Milano abbia ottenuto la deroga all'art citato a causa della particolare situazione cittadina e per i diritti dei suoi residenti. Le bianche e quindi i parcheggi gratuiti a Milano (in quasi tutta la città) non esistono più in piena legalità peraltro la stessa norma è applicata in molte altre città europee di una certa rilevanza.

Sinceramente credo sia meglio così piuttosto che istituire un Congestion Charge su tutta Milano ad 10 Euro ad ingresso od il divieto di accesso ai veicoli provenienti da fuori città, che sarebbero gli unici sistemi alternativi alla indispensabile diminuzione della congestione cittadina.

Credo sia abbastanza comprensibile che con l'alta densità di popolazione a Milano non sia possibile garantire posti sul suolo pubblico da destinare a chiunque, anche perchè non basterebbero mai. Il parcheggio a pagamento garantisce un disincentivo all'auto e la rotazione dei posti per garantire un servizio a chi ne ha necessità.

La zonizzazione a pagamento rappresenta inoltre un forte limite all'uso del'auto anche per i residenti ed  un invito a chi vive e lavora a Milano di giorno, ma dorme fuori, di operare per altre scelte di vita. 

Questo pendolarismo automobilistico all'ennesima potenza, provocato da politiche edificatrici nei comuni limitrofi davvero discutibili  basate sull'uso dell'auto, dimostra con l'ausilio delle strisce blu la sua assurdità economica oltre che ambientale.

Chi sceglie di vivere fuori città deve lavorare fuori città e non può pretendere di andare a Milano tutti i giorni in auto parcheggiando dove crede usurpando dei posti destinati ai residenti, senza contare l'emissione nell'atmosfera. Chi fa questa scelta dovrebbe appoggiarsi ad un trasporto pubblico.

Proprio per questo l'intervento in oggetto è visto come una benedizione da chi risiede nelle zone interessate alle stesse.

Piuttosto quando è prevista l'attivazione nell'ambito 15 ? Non ho trovato nulla in merito... ora è ancora un delirio ..


Ciao Fr3di
In risposta al messaggio di Pietro Dalpe inserito il 21 Set 2010 - 10:23
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]