.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 14 ospiti collegati
.: Discussione: Un patto per la movida

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Alessandro Rizzo

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Alessandro Rizzo il 12 Ago 2010 - 16:19
accedi per inviare commenti
Ad aggiungersi alla insensatezza della querelle sulla Movida ci sarebbe il dato rilevato oggi in un articolo su Repubblica di Ilaria Carra concernente la non attivazione dei controlli fonometrici da parte del Comune riguardo i locali notturni. Si prevedevano sanzioni cospicue per i locali trasgressori, con possibile sequestro della licenza. La procedura burocratica è stata talmente appesantita da passaggi di competenze e incapacità di attuazione della fase di sponsorizzazione del provvedimento da parte dell'ente dei commercianti milanesi che tutto è rimasto nel cassetto. Addirittura Vicesindaco e Sindaco con una pletora di assessori avevano annunciato a inizio estate la grandiosità dell'iniziativa tenuta lettera morta. Ora sembrerebbe che il Comune voglia assumere su di sè l'intervento, senza deleghe ad altri organi. Mi domando se a fine mandato l'attuale maggioranza sia ancora in campagna elettorale con promesse e prospettive velleitarie inattuate. Dov'è la responsabilità del governo della città, oltre a ritenere inutili tali provvedimenti, nonchè inefficaci, a maggior ragione se non applicati, in quanto mantengono inalterate le falle esistenti, ossia una distribuzione iniqua delle zone del divertimento, l'assenza di idee  e di contenuti da proporre per arricchire di sostanza le serate milanesi, anche turisticamente e, infine, il mantenimento prolungato degli orari di servizio dei trasporti pubblici, dei musei, delle gallerie d'arte, come giustamente diceva Alfonso. Le azioni muscolari ed esemplari sono alla mercè di un'amministrazione comunale priva di prospettive e di capacità di governare una città sotto un'ottica europea, di rispondere alle esigenze poliedriche e molteplici della cittadinanza. La filosofia è sempre la stessa: dichiarazioni pubblicitarie promozionali stile slogan, incapacità di attuazione dei provvedimenti, assenza di strategia e di rilancio culturale e aggregativo degli spazi comuni, iniziative solo muscolari ed esemplari senza alcun risultato. A quanto tale pratica?

Alessandro Rizzo
Capogruppo La Sinistra - Uniti con Dario Fo
Consiglio di Zona 4 Milano

In risposta al messaggio di Alessandro Rizzo inserito il 1 Ago 2010 - 11:13
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]